Crea sito

bambina con attacchi di rabbia

salve, ho una bambina di circa 9 anni, e' una bambina che non accetta regole, vuole decidere tutto, è sempre arrabbiata. Risponde male, odia sua sorella minore di 7 anni. E' una bambina per certi versi egoista , sembra insensibile, ma per altri e' molto insicura e timida, tanto che a scuola fatica a giocare con gli altri. Aveva un'amichetta del cuore ma si è fatta trascinare da questa bimba, molto forte di carattere, in uno scherzo ai limiti del bullismo verso una terza bimba, senza motivo, solo per la totale fiducia nella sua amichetta.
E' una bambina che in casa, con gli amici che frequentano casa nostra, tende ad essere dispettosa perche' viene esclusa. Quando le chiedo perché è sempre arrabbiata mi dice che non lo sa, a volte fa dei brutti versi, sembra ringhiare. Passa molto tempo con i nonni paterni, che la svegliano e la portano a scuola, noi arriviamo in pomeriggio poco dopo l'uscita da scuola. Ammetto che sia anche viziata, non le manca nulla. Eppure lei e sua sorella sono l'una l'opposto dell'altra. Io ho provato a cercare una causa, a darmi una spiegazione, perchè la amo e provo a giustificare i suoi comportamenti , ma non ne vengo a capo. A volte dopo essere stata sgridata o messa in punizione, poi diventa molto buona e collaborativa, anche affettuosa. Non so piu' cosa fare, vorrei un consiglio, grazie!

Bisognerebbe cercare di

Bisognerebbe cercare di conoscere un po' meglio la situazione, magari cominciando intanto dalle informazioni indicate nel questionario bambini nella colonna qui a sinistra.

salve

il questionario lo allego? molte cose non le ricordo piu' sinceramente !

Non sono i dati precisi che

Non sono i dati precisi che contano, qui, ma vedere come e dove la bimba è cresciuta, che esperienze ha fatto, com'è la situazione ambientale, per cercare come si è arrivayi a questo punto e che difficoltà ci possono essere.

ecco le mie risposte

QUESTIONARIO SULLO SVILUPPO PSICOMOTORIO SIMBOLICO-LINGUISTICO E RELAZIONALE
composizione familiare; età dei componenti 4, padre 41,mamma 41, bimba 9 e bimba 7
età del bambino/a 9
problemi in gravidanza nessuno
NASCITA
a che settimana 39+5
Parto cesareo d’urgenza per sofferenza fetale , battito lento e poca ossigenazione,ma alla nascita non ha avuto alcun problema
alla nascita : peso 2750 49 cm, non ricordo la circonferenza cranica
(eventuali curve di accrescimento epoche successive)……...
indice di Apgar: non lo so durata del ricovero in ospedale 3 giorni e mezzo, e’ nata di pomeriggio
PRIMI MESI
allattamento: e’ stata allattata la seno a richiesta, i primi giorni ho avuto molte difficoltà perche’ non si attaccava correttamente, i primi mesi era sempre al seno, non ha mai voluto il biberon , l’ha preso dopo i due anni ed e’ stata allattata 11 mesi, si è staccata da sola, a un certo punto girava la faccia e io latte non ne avevo piu’
inizio pappine, minestrine, ecc... svezzamento cominciato a 5 mesi, non e’ mai stata una mangione e i primi tempi la distraevo per farla mangiare, preferiva i vasetti di carne alle altre cose. Ancora oggi preferisce la carne, e mangia a periodi, ovvero mangia di gusto poche cose che le piacciono.

ritmo sonno veglia nei primi mesi, orari, difficoltà i primi anni non ha mai dormito una notte intera, intorno all’anno ho cominciato a farla dormire come me, ma si svegliava ugualmente, per un periodo dai 2 ai quasi4 anni si svegliava urlando tutte le notti, come se lo facesse nel sonno, sospettavo il pavor notturno, ma poi i risvegli mano mano sono diminuiti fino a interrompersi. Con l’inizio della materna abbiamo introdotto una routine, per cui dopo cena niente luci o rumori, si andava a letto con la favola e stop, ancora adesso e’ cosi’.
persone che lo accudivano...i nonni paterni ,che per molti versi l’hanno viziata, a cominciare dal fatto che la tenevano sempre in braccio, per cui senza braccia non dormiva. Ancora adesso se ne occupano loro quando sono al lavoro.
EPOCA SUCCESSIVA
alimentazione..., sonno ...., orari e modalità Non mangia tutto, mangia poche cose ma quelle poche cose con gusto. non mangia formaggi, ma nemmeno io e il padre ne mangiamo, pochissime verdure, e solo passate,non e’ particolarmente interessata al cibo. Ha una routine per il sonno, dopo cena ci si lava e poi il papa’ legge la favola, va aletto per le 20.30 ,se non dorme almeno 10 ore la mattina fatica a svegliarvi ed e’ intrattabile.
abitudini non ha mai voluto il ciuccio, biberon usato poco, non ha mai avuto un giocattolo preferito, non ama dormire con pupazzi .
tempo video: rispetto ai coetanei guarda poca tv, fosse per lei giocherebbe sempre alla wii, ma le permettiamo un uso moderato anche perche’ diventa nervosa e rancorosa al momento di spegnere.Dopo le 19 nn si guardano i cartoni, solo il venerdi’ e sabato sera possiamo guardare un film insieme. Guarda solo cartoni o comunque cose adatti a bimbi. Non ha un tablet, gioca con quello degli amichetti, ma diventa dipendente. Vorrebbe usare il nostro cellulare per guardare video, fare foto e fare giochetti, anche quello concesso raramente nelle attese ai ristoranti, visite mediche e simili.
SVILUPPO PSICO-MOTORIO:
dove veniva tenuto preferenzialmente dopo i primi mesi, da sveglio: in braccio o nella sdraietta, ma quasi sempre in braccio essendo l’unica nipotina con due nonni e una zia sempre a disposizione.
seduto da solo a che età non ricordo perfettamente , 5 -6 mesi .
primi spostamenti a che età e come: non ha gattonato o rotolato, intorno ai 10 mesi voleva camminare e lo faceva tenendosi a noi
primi passi da solo 13 mesi era autonoma nel camminare, fino ad allora si reggeva a un nostro dito
capacità motorie attuali non ha problemi controllo sfinterico (pipì e popò) a che età dai 2 anni e mezzo le abbiamo tolto il pannolino, ma gia’ da prima nei riposino tratteneva la pipi’, le e’ stato tolto da subito notte e giorno. I primi tempi bisognava portarla al wc altrimenti se ne dimenticava, ancora adesso spesso per pigrizia trattiene la pipi’
RELAZIONE e COMUNICAZIONE nel primo anno di vita
primi sorrisi 2 mesi
curiosità verso oggetti e persone, attenzione, capacità di seguire con lo sguardo fin da subito molto vispa e attenta, le abbiamo letto favole dalla nascita .
facilità al pianto e facilità a consolarlo, coccolarlo, ecc in braccio si consolava abbastanza facilmente, dai due anni la notte era inconsolabile
facilità a capirlo e interagire e’ sempre stato facile e naturale interagire con lei i primi tempi.
lallazione, gorgheggi 5 mesi
reazione di fronte a persone e ambienti nuovi (diffidenza, paura, pianto...) i primi anni era socievole e sorridente.
modalità di accudimento: tranquillo,ma da parte mia c’era parecchia gelosia e incompatibilità per i nonni sempre presenti.
SVILUPPO SIMBOLICO
LINGUAGGIO:
non ricordo di preciso la prima parola, dopo l’anno ha cominciato a dire poche parole, pappa,pappa, acquo, mamma papa’, poi ha parlato direttamente, parlava tanto,in terza persona a 2 anni componeva gia’ frasi, mai avuto problemi di linguaggio
INTERESSE E CURIOSITÀ PER GLI OGGETTI
USO DEI GIOCHI e’ sempre stata curiosa, fin da subito amante dei libri, riusciva a prestare attenzione fin da piccola, non giocava a fare la mamma o simili, i nonni le organizzavano i giochi per cui richiedeva sempre la presenza di qualcuno nei giochi.
DISEGNO SPONTANEO
non ricordo l’eta’, sicuramente a 2 anni faceva simil omini, persone, con le teste giganti.
ATTENZIONE nelle varie attività e interessi: molta attenzione per le favole, libri,in genere se decide lei il gioco, poi ci si dedica
INTERESSE E CURIOSITÀ VERSO LE PERSONE è molto timida, per cui fa fatica a fare amicizia, ma spesso se non viene considerata dagli amici che frequentano la nostra casa, allora tende a fare dispetti e a rendersi antipatica .Nel gioco ama decidere, e anche con la sorella, che dice sempre di non sopportare, tende a decidere e prevaricare. Non è socievole, non e’ affettuosa, non ama troppo il contatto fisico,deve essere lei a decidere di essere coccolata, in quel caso e’ tenerissima.
figure principali cui è attaccato non ci sono
REAZIONI AL DISTACCO dai genitori da piccola ci diceva che preferiva stare senza noi, da piccolissima accettava il distacco, adesso non ha problemi anche se a volte ci chiede di stare con lei
RAPPORTO CON LE PERSONE e’ gelosa della sorellina che ha un carattere piu’ facile, per cui lei tende a essere definita la bambina piu’ monella tra le due. Non e’ socievole, non prende iniziativa, ma nel momento in cui si avvicinano altri bambini è felice di giocarci. Ama la compagnia e ci chiede sempre di invitare gli amici. A scuola si comporta bene, ascolta le maestre. Con genitori e nonni invece non ascolta, o molto poco, spesso risponde male, ci dice che non possiamo decidere per lei, urla, si arrabbia.
COMPRENSIONE DELLE COSE E DELLE RICHIESTE e’ una bambina molto sveglia per cui comprende le cose
COMUNICAZIONE DEI SUOI BISOGNI E DESIDERI non sa spiegarci perche’ prova spesso questa rabbia, i desideri sono tutti materiali.
COMPORTAMENTO
(iperattivo, capriccioso, tranquillo, ecc)....,
adesione a regole, orari, limiti, ....
obbedienza agli adulti .....
reazione a divieti, frustrazioni ....
capricci, bizze ...
paure, fissazioni.... E’ capricciosa, non e’ ubbidiente, vuole decidere per se stessa, non accetta la nostra autorita’ di genitori, e idem con i nonni. Accetta le punizioni ma in genere ripete gli stessi comportamenti, a volte ci porta all’esasperazione e qualche volta ha preso una sculacciata, allora piange, si chiude in cameretta e dopo diventa molto collaborativa. Non accetta i divieti, ha sempre qualcosa da dire, ci contraddice sempre. Ha spesso attacchi di rabbia, si sveglia quasi sempre arrabbiata. Sa che dever andare a letto presto altrimenti fa fatica ad alzarsi e questa regola l’accetta. Ha paura del buio la notte non si alza da sola per andare in bagno, dobbiamo andare in cameretta e accompagnarla, anche se nn ammette di aver paura.
SCOLARIZZAZIONE
asilo nido ………. A che età ……………. Reazioni eventuali ………….
Scuola materna …………….. eventuali difficoltà di inserimento, ambientamento............
Successive scuole ....... apprendimento ........ comportamento ......... Non ha frequentato il nido, ha cominciato la materna a 3 anni e mezzo , piu’ o meno, l’inserimento e’ andato bene ma socializzava poco e non andava a scuola di buon grado. Rispetta compagni e insegnanti, a scuola ha un comportamento impeccabile, ha voti alti , s’impegna.
RAPPORTI SOCIALI, amicizie, attività extrascolastiche, occasioni di incontri con altri a casa nostra ci sono sempre bambini, figli di amici oppure compagni di scuola. Con i figli di amici litiga, anche perche’ tendono a far branco con la sorellina, per cui lei comincia a fare dispetti, e ormai si e’ innescato un modus operandi in cui qualunque cosa faccia, gli altri le danno colpa a prescindere. Con i compagni di scuola invece non litiga, ma di recente si e’ lasciata trascinare dalla sua amica del cuore in un dispetto verso una terza bambina. La cosa preoccupante e’ che lei non aveva mai litigato con la bambina, ma pur di andare dietro alla sua amica, le ha fatto un dispetto.
SITUAZIONE FAMILIARE fin dalla nascita i nonni paterni sono stati una presenza fissa, ho sofferto molto per questo perche’ sento di aver perso l’esclusività con mia figlia. La mattina quando vado a lavoro arrivano i nonni che svegliano la bambina e sua sorella e la portano a scuola, poi sempre loro la riprendono e la portano alle attivita’ sportive due volte a settimana. Spesso la bambina ha scontri con la nonna, che a volte ha deti modi duri.

EVENTI PARTICOLARI,
non ci sono stati cambiamenti particolari ma e’ sempre stata gelosa di sua sorella, crede che lei non fosse abbastanza per noi e quindi che abbiamo deciso di avere sua sorella per questo. Ho perso mio padre ma non ha sortito alcun effetto sulla bambina, in quanto viveva distante e lei non gli era particolarmente legata.

Un evento importante sembra

Un evento importante sembra essere stato la nascita della sorellina. Vi ricordate come ha reagito, a gravidanza e nuovo arrivo, e come avete gestito la cosa?
Dice di aver perso l'esclusiva... Come mai la svegliano i nonni? Lei è già a lavorare? Abitate insieme, o accanto? Non potete gestire diversamente gli orari di lavoro?
Evidentemente la bambina è arrabbiata con qualcuno, probabilmente con voi. Come se sentisse di aver subito dei torti. Più che la sorellina può darsi che sia stata la gestione, che ci sia qualcosa di cui non vi siete accorti, cui non avete badato.
Dalla storia non riesco a farmi un'idea, forse è un po' troppo a senso unico, come se i torti li avesse solo la bimba. Bisognerebbe probabilmente guardare un po' meglio fra le righe, in quello che finora non è emerso.
Con l'arrivo di pubertà e adolescenza bisognerebbe cessare la guerra, altrimenti la situazione rischia di farsi difficile da sostenere.

grazie

la ringrazio per la risposta,
la bambina era stata preparata all'arrivo della sorellina ma quando e' nata aveva poco più' di 19 mesi, per cui non e' stato facile per lei capire cosa fosse questa sorellina.
Forse è stato un mio errore in quando le ho sempre detto che la sua nascita e' stata la gioia più' grande della mia vita e lei una volta mi ha chiesto perché' le avessi dato una sorellina, se il mio amore era così grande, quindi ne ho dedotto che lei crede che il mio amore per lei non sia abbastanza, che lei non sia abbastanza. Su questo cerco di rassicurarla con parole o gesti, sono sempre equa con punizioni , sgridate e premi. Eppure è totalmente oppositiva, è sempre rancorosa, non accetta le figure di educatori adulti,ma vale solo per persone di famiglia, a scuola, sport, scout è una bambina educatissima. Pero' io non so davvero piu' come prenderla, mi sembra solo di sbagliare con qualunque approccio. Mi sembra che non abbia piacere a stare con me e questo vale anche per la sorella, entrambe fanno sempre richiesta di invitare amici o di stare con i nonni.
Secondo lei dovrei intraprendere una terapia? grazie

Non ha risposto ad alcune mie

Non ha risposto ad alcune mie domande, forse è l'organizzazione familiare che non è funzionale; non si parla del padre... Mi sembra che manchi un po' una visione di come vanno le cose. Potrebbe essere utile se qualcuno vi aiutasse a guardare un po' se c'è qualcosa che non funziona bene in casa, nell'organizzazione, nei rapporti. nelle comunicazioni. Una terapia Lei? Non ne ho idea. per che cosa? Casomai più come dicevo un check up familiare.

buongiorno

il padre e' molto presente, e' lui che che si occupa della parte ludica, le prepara per andare a letto e gli legge la favola, sia la bambina grande che quella piccola dicono che e' più' divertente di me. In genere andiamo a lavoro mentre dormono, e le vediamo direttamente alle 17 piu' o meno, 2 gg svolgono attività' fisica, per cui rientrano per le 18. In genere giocano un po' tra loro o col papa', io preparo la cena, zaini, vestiti per il giorno dopo, borsone per lo sport ecc, alle 19 ceniamo , e la cena e' sempre caotica, non stanno sedute, giocano col cibo, si alzano, vengono per questo richiamate ogni sera,come un mantra. Dopo cena si preparano e vanno a letto per le 20.30, altrimenti la bambina fa fatica ad alzarsi, il giorno dopo fa mille storia, si arrabbia, tira calci e risponde male ai nonni. Sono stata in malattia un mese ed e' stata un po' più' gestibile, perché faccio leva sul fatto che lei è grande, che lo so che è una brava bambina, che so che la bambina dispettosa non è la vera lei ecc. Anche con i nonni se dorme adeguatamente è abbastanza tranquilla. In settimana invitiamo spesso amichetti su loro richiesta, e nel week end facciamo solo cose a misura loro, spesso con amici che hanno figli coetanei e con cui le mie figlie sono felici di stare insieme. Vengono premiate per i buoni comportamenti. Sulla terapia mi riferivo a mia figlia, chiedevo se fosse il caso di farle intraprendere un percorso da un neuropsichiatra. spesso ho l'impressione che la bambina abbia un disturbo oppositivo nei nostri confronti, ci sfida fino a farci perdere la pazienza, come se poi confermasse la sua tesi di non essere abbastanza per noi. Ovviamente questa e' solo una mia ipotesi. Non so se puo' suggerirmi dei comportamenti da usare quando ci sfida, perché' in alcuni casi non è possibile lasciar correre, quando per esempio non si vuole alzare e deve andare a scuola, oppure non vuole pettinarsi , cose cosi'.grazie per la pazienza.

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)