Crea sito

Bambino 32 mesi parla pochissimo

Buonasera dottore,
le scrivo per un parere su nostro figlio di 32 mesi che dice poco o niente...per ora non abbiamo fatto alcun controllo perchè, secondo la pediatra, potrebbe avere bisogno solamente di un pò più di tempo. Nel frattempo però vorremmo avere un suo parere.
Secondo lei questo ritardo è "fisiologico" o si tratta di un campanello d'allarme che va indagato con visite specialistiche? Quali consigli per aiutarlo?
Le riporto qui sotto il questionario compilato. Grazie mille in anticipo

QUESTIONARIO SULLO SVILUPPO PSICOMOTORIO SIMBOLICO-LINGUISTICO E RELAZIONALE
composizione familiare; età dei componenti MADRE (34 ANNI) PADRE (42 ANNI) FRATELLO MAGGIORE (6 ANNI E MEZZO)
età del bambino 32 MESI e mezzo
problemi in gravidanza NESSUNO
NASCITA
a che settimana 38+4 SETTIMANE.
Parto ( naturale, cesareo - eventuali motivi-, difficoltà) CESAREO PROGRAMMATO CAUSA PROBLEMI MATERNI (OCULISTICI) E PERCHE’ ANCHE IL PRIMO PARTO E’ STATO CESAREO
alla nascita : peso 2428g, altezza 46cm, circonferenza cranica 31cm
(eventuali curve di accrescimento epoche successive)……...
indice di Apgar: 1' 10/ 5' 10. durata del ricovero in ospedale 4 GIORNI.
PRIMI MESI
allattamento: materno PER I PRIMI 5 MESI E MEZZO POI INTERROTTO PER CALO DEL LATTE. artificiale DAI 5 MESI E MEZZO IN POI a orario o a richiesta DIREI CHE NON ESSENDO UN BAMBINO AGITATO E SENZA PRETESE, MANTENEVA TRANQUILLAMENTE GLI ORARI CANONICI, QUINDI DIREI AD ORARIO.
inizio pappine, minestrine, ecc... INIZIO PRIMA FRUTTINA 4 MESI PRIMA PAPPA 5 MESI
svezzamento (DISTACCO DAL SENO, o dal biberon, se allattamento artificiale), età 5 MESI. HA AVUTO UN PICCOLO RIFIUTO INIZIALE PER IL BIBERON, FACILMENTE RISOLTO CON POCA INSISTENZA. SI E’ POI ADATTATO SENZA PROBLEMI AL BIBERON
eventuali difficoltà HA SEMPRE GRADITO DI PIU’ IL DOLCE. ritmo sonno veglia nei primi mesi, orari, difficoltà PER I PRIMI MESI SI SVEGLIAVA SOLO PER BERE IL LATTE MASSIMO 2-3 VOLTE A NOTTE. DAI 5 MESI IN POI HA SEMPRE DORMITO TUTTA LA NOTTE, ADDORMENTANDOSI DA SOLO NEL LETTINO. NESSUNA DIFFICOLTA’.
persone che lo accudivano MADRE PADRE E NONNA
EPOCA SUCCESSIVA
alimentazione AD OGGI ACCETTA CIBI SOLIDI SOLO SE DOLCI (BRIOCHES, CIOCCOLATO, ECC.) IL CIBO SALATO LO MANGIA SOLO SE FRULLATO A PARTE I SALATINI E LA FOCACCIA. MOLTO DIFFIDENTE SE GLI PROPONIAMO CIBI NUOVI CHE SPESSO RIFIUTA SENZA NEANCHE ASSAGGIARE.
, sonno DORME SENZA PROBLEMI FA ANCORA IL RIPOSINO POMERIDIANO, orari e modalità (dove dorme, come si addormenta, ecc) SI ADDORMENTA DA SOLO NEL LETTINO IN CAMERA COL FRATELLO MAGGIORE, CON IL SUO PELUCHE E IL CIUCCIO. NON E’ PARTICOLARMENTE ATTACCATO AL CIUCCIO, DI GIORNO NON LO TIENE MAI E SI ADDORMENTA ANCHE SENZA

SVILUPPO PSICO-MOTORIO:
dove veniva tenuto preferenzialmente dopo i primi mesi, da sveglio: PREVALENTEMENTE NEL BOX, SUL SEGGIOLONE O IN PASSEGGINO
seduto da solo a che età 5-6 MESI
primi spostamenti a che età e come: INIZIALMENTE STRISCIANDO POI GATTONANDO INTORNO AI 10 MESI
primi passi da solo CAMMINAVA PER MANO GIA’ A 12 MESI, DA SOLO SENZA ALCUN SOSTEGNO A 15 MESI
capacità motorie attuali E’ MOLTO DINAMICO E VIVACE. CORRE, SALTA, FA LO SCIVOLO ( ANCHE SE VUOLE SALIRCI SEMPRE DALLA PARTE IN CUI SI SCIVOLA E NON DALLA SCALETTA) SALE E SCENDE LE SCALE. PER SALIRE FA DA SOLO, SENZA TENERSI, PER SCENDERE CERCA LA MANO DI UN ADULTO.
controllo sfinterico (pipì e popò) a che età PORTA ANCORA IL PANNOLINO, ASPETTO L’ESTATE PER LO SPANNOLINAMENTO
RELAZIONE e COMUNICAZIONE nel primo anno di vita
primi sorrisi NON RICORDO ESATTAMENTE MA HA SEMPRE SORRISO MOLTO (NEI TEMPI CORRETTI)
curiosità verso oggetti e persone, attenzione, capacità di seguire con lo sguardo
facilità al pianto e facilità a consolarlo, coccolarlo, MOLTO CURIOSO VERSO GLI OGGETTI, SOPRATTUTTO GIOCATTOLI, E’ SEMPRE STATO UN BAMBINO MOLTO TRANQUILLO E SOLARE, NON HA MAI PIANTO SENZA MOTIVO E FREQUENTEMENTE E COMUNQUE FACILE NEL CONSOLARLO. NON HA MAI AVUTO DIFFIDENZE O PAURE VERSO GLI ALTRI MA NEANCHE PARTICOLARE INTERESSE. AMA ESSERE COCCOLATO. SEGUE GLI OGGETTI CON LO SGUARDO E GUARDA SPESSO NEGLI OCCHI GLI ADULTI COME PER CERCARE CONFERMA E PARTECIPAZIONE NELLE ATTIVITà CHE STA ESEGUENDO. A VOLTE CAPITA PERò CHE “STORTI” LO SGUARDO DI LATO VERSO L’ALTO, SOSPETTO CHE LO FACCIA PER “SEGUIRE” I CAPELLI CHE VEDE CON LA CODA DELL’OCCHI perché HA I CAPELLI RICCI E LO FA QUANDO CE LI HA Più LUNGHI DEL SOLITO.

facilità a capirlo e interagire NEL PRIMO ANNO NESSUNA DIFFICOLTA’ NELL’INTERAGIRE. ERA ABBASTANZA AUTONOMO E GLI BASTAVA POCO PER STARE TRANQUILLO NEL BOX O SUL SEGGIOLONE A GIOCARE. HA COMINICIATO MOLTO PRESTO (5-6 MESI) AD INTERESSARSI MOLTO AI CARTONI ANIMATI E ALLA TV. ATTUALMENTE SI FA CAPIRE COI GESTI O PORTANDOCI VERSO Ciò CHE DESIDERA. QUANDO NOI CI RIVOLGIAMO A LUI MI SEMBRA CHE FATICHI UN Po’ DI Più A CAPIRE. LE COSE CHE VUOLE PERò LE CAPISCE SUBITO (per es. vuoi il succo o cioccolato?, vuoi andare in giardino a giocare?vuoi il tablet?, guardiamo la Pimpa? QUESTE SONO TUTTE RICHIESTE CHE CAPISCE)!
lallazione, gorgheggi NELLA NORMA
reazione di fronte a persone e ambienti nuovi (diffidenza, paura, pianto...) NEL PRIMO ANNO DI VITA NESSUNA DIFFIDENZA NE’ PAURA. SE UN ESTRANEO GLI RIVOLGEVA LA PAROLA O LO ACCAREZZAVA, RISPONDEVA CON UN SORRISO ED E’ TUTTORA COSI’. E’ SEMPRE STATO PERO’ MOLTO SILENZIOSO, NON HA INTERESSE NEL RISPONDERE AL SALUTO CON LA MANINA (GLIEL’HO VISTO FARE SOLO IN RISPOSTA AD UN CARTONE ANIMATO). IN AMBIENTI NUOVI ORA E’ PIU’ INQUIETO RISPETTO A QUANDO ERA PIU’ PICCOLO E PREFERISCE RESTARE IN BRACCIO O SUL PASSEGGINO ANZICHE’ CAMMINARE E GIRONZOLARE, A MENO CHE NON CI SIA QUALCOSA CHE LO ATTRAE: UNA VOLTA PER ESEMPIO ALL’ORATORIO ERA DAPPRIMA SPAESATO MA QUANDO HA VISTO DEI BAMBINI GIOCARE A PALLONE, HA VOLUTO A TUTTI I COSTI CORRERE DIETRO AL PALLONE ANCHE LUI, RIDENDO FELICE, COL RISCHIO DI ESSERE TRAVOLTO! NOTO COMUNQUE CHE QUANDO USCIAMO ULTIMAMENTE, SOPRATTUTTO SE CI RECHIAMO IN POSTI CHE NON CONOSCE, E’ PIU’ INQUIETO, NERVOSO E DOPO UN PRIMO PERIODO DI TRANQUILLITà COMINCIA AD AGITARSI E PIANGERE. IN CASA INVECE E’ SEMPRE PIUTTOSTO TRANQUILLO.
modalità di accudimento: ansioso, apprensivo, preoccupato, tranquillo, sicuro SI DIMOSTRA ANSIOSO SOLO IN AMBIENTI CHE NON GRADISCE. PER ESEMPIO IN CHIESA NON CI VUOLE PIU’ ENTRARE DOPO CHE SI E’ SPAVENTATO QUANDO ERA PIU’ PICCOLO A CAUSA DEI CANTI E DEL SUONO DELL’ORGANO DURANTE LA MESSA. PER IL RESTO E’ TRANQUILLO VUOLE SPESSO SCENDERE DAL PASSEGGINO PER CORRERE E GIOCARE IN LIBERTA’ QUANDO FACCIAMO DEI GIRETTI IN POSTI A LUI FAMILIARI.
SVILUPPO SIMBOLICO
LINGUAGGIO:
(età di inizio)
prime parole HA DETTO MAMMA LA PRIMA VOLTA A 10 MESI E MEZZO MA E’ MOLTO INDIETRO CON IL LINGUAGGIO ED E’ QUESTO IL MOTIVO DELLA NOSTRA PREOCCUPAZIONE.
due parole insieme NON HA MAI COMBINATO DUE PAROLE INSIEME.
uso del no e del sì SE IO DICO Sì LUI FA Sì CON LA TESTA. STESSA COSA PER IL NO. NON LI PRONUNCIA PERò E NON SEMPRE LI USA IN MODO APPROPRIATO NEL SENSO CHE NON HO ANCORA CAPITO SE COMPRENDE IL SENSO DEL NO E DEL SI.
DICE POCHE PAROLE: VERSI DEGLI ANIMALI (NON TUTTI), QUELLE CHE SA LE DICE MALE (CACUA PER DIRE ACQUA PER ESEMPIO, OPPURE FA DEI SUONI O GORGHEGGI CHE IO COMPRENDO E SO A COSA SI RIFERISCE MA CHE GLI ALTRI SICURAMENTE NON CAPIREBBERO). HA LA PASSIONE DI ASCOLTARE CANZONCINE PER BAMBINI IN INGLESE SUL TABLET ED HA IMPARATO I COLORI IN INGLESE (INK PER DIRE PINK, IIIN=GREEN, EK =BLACK ECC.)
frase minima (verbo e sostantivo ) NESSUNA.
INTERESSE E CURIOSITÀ PER GLI OGGETTI
USO DEI GIOCHI ( gioco funzionale ....imitativo .....rappresentativo ). AMA MOLTO GIOCARE DA SOLO ED IN MODO MOLTO APPROPRIATO. IMITA SPESSO I FILMATI DI YOUTUBE DOVE VENGONO MOSTRATI DEI GIOCHI. LUI CERCA FRA I SUOI GIOCHI, OGGETTI SIMILI E LI USA COME GLI VIENE MOSTRATO NEI FILMATI. PRENDE IL TABLET DA SOLO, VA SU YOUTUBE E SELEZIONA I VIDEO CHE Più GLI PIACCIONO. GIOCA MOLTO BENE CON LE COSTRUZIONI E CON LE MACCHININE E AREOPLANINI, IMITANDONE IL SUONO ED IL MOVIMENTO. FA ANCHE ALTRI VIDEOGIOCHI SUL TABLET COME METTERE DEI VESTITI A DEI PUPAZZI O METTERE LE FORME GIUSTE AL POSTO GIUSTO (TIPO PRIMI PUZZLE). BALLA DONDOLANDO E SALTANDO SUL DIVANO QUANDO ASCOLTA LE SIGLE DEI CARTONI ANIMATI. SI DIVERTE MOLTO E RIDE QUANDO SCHERZIAMO CON LUI, QUANDO CI Dà E GLI DIAMO IL “CINQUE”, QUANDO GLI FACCIAMO FARE IL CAVALLINO SULLE GINOCCHIA, QUANDO LO INSEGUIAMO IN GIARDINO (CORRE E SI VOLTA RIDENDO PER VEDERE SE LO INSEGUIAMO).
DISEGNO SPONTANEO
scarabocchio , linee, cerchi... omino-testone ... figure, casetta, ecc ... GLI PIACCIONO MOLTO I COLORI. FA LINEE SCARABOCCHI E CERCHI. ULTIMAMENTE HA FATTO ANCHE DELLE STRISCE AD ARCO DI COLORI DIVERSI, A FORMARE UN ARCOBALENO
ATTENZIONE nelle varie attività e interessi: breve ... lunga .... ...QUANDO COMINCIA UN’ATTIVITA’, SI DEDICA AD ESSA PER MOLTO TEMPO. SE UNA COSA NON GLI PIACE LA ABBANDONA SUBITO.
INTERESSE E CURIOSITÀ VERSO LE PERSONE
figure principali cui è attaccato MAMMA, NONNA. NON MOSTRA PARTICOLARE EUFORIA QUANDO VEDE LA NONNA ARRIVARE MA E’ MOLTO FELICE QUANDO LA SI VA A TROVARE A CASA SUA. LA FIGURA A CUI E’ Più ATTACCATO SONO IO (MAMMA). STA SENZA PROBLEMI E PER MOLTO TEMPO ANCHE CON IL PAPà CHE LO ACCUDISCE DANDOGLI LA PAPPA, CAMBIANDOLO, PORTANDOLO FUORI ECC.
REAZIONI AL DISTACCO dai genitori ABBASTANZA INDIFFERENTE AL DISTACCO DA NONNA E PAPà, PIAGNUCOLA SPESSO QUANDO LA MAMMA VA DA UN’ALTRA PARTE O IN UN’ALTRA STANZA MA SI CALMA SUBITO. NON HA MAI FREQUENTATO PERò NIDI Né PERSONE AL DI FUORI DELLA FAMIGLIA.
RAPPORTO CON LE PERSONE... adulti … bambini..... STA VOLENTIERI SIA CON ADULTI CHE CON BAMBINI. BAMBINI A PARTE IL FRATELLO NE VEDE POCHISSIMI E RARAMENTE. A VOLTE GIOCA COL FRATELLO MA SPESSO TENTA DI MORDERLO. CREDO SIA PREVENUTO VERSO DI LUI perché TEME CHE GLI RUBI I SUOI GIOCHI.
COMPRENSIONE DELLE COSE E DELLE RICHIESTE comprende solo le richieste che gli piacciono o che gli servono. Per esempio se gli dico: “mi dai il gioco?” mi ignora ma se gli chiedo: “ vuoi un po’ di cioccolato?” smette di fare quello che sta facendo e corre verso l’armadio della cucina dove teniamo il cioccolato. In generale comunque posso dire che non è molto collaborativo quando gli si chiede qualcosa, a meno che, appunto non sia una cosa di suo gusto. Se gli dico: “Accendi la luce” , lo fa subito perché è una cosa che gli piace fare ma se gli chiedo per esempio: “indicami dov’è l’albero” non lo fa. Per quanto riguarda il voltarsi se chiamato, sì si gira quando lo si chiama e ci guarda negli occhi, a meno che non è particolarmente concentrato su ciò che sta facendo. In quel caso ci ignora anche se lo chiamiamo.
COMUNICAZIONE DEI SUOI BISOGNI E DESIDERI .Quando gli serve qualcosa ci prende per mano e ci porta nel punto in cui c’è la cosa che gli serve, oppure la segna con la mano. La sera per esempio, prima di andare a dormire spesso vuole che gli scaldo un po’ di latte e per farmelo capire bussa sul microonde (solo una volta mi ha detto “atte”).
COMPORTAMENTO
(iperattivo, capriccioso, tranquillo, ecc). E’ UN BAMBINO TRANQUILLO FA I CAPRICCI RARAMENTE, DI SOLITO QUANDO CI RIFIUTIAMO DI DARGLI IL TABLET O SE VEDE UNA COSA CHE GLI PIACE IN UN NEGOZIO.
adesione a regole, orari, limiti, NESSUN PROBLEMA PARTICOLARE
obbedienza agli adulti CAPITA A VOLTE CHE SI IMPUNTA, PER ESEMPIO SE SIAMO IN GIRO E VEDE DEI PALLONCINI, NE VUOLE UNO A TUTTI I COSTI ALTRIMENTI PIANGE E URLA
reazione a divieti, frustrazioni DIPENDE A VOLTE ACCETTA I DIVIETI A VOLTE VI SI OPPONE
capricci, bizze POCHI
paure, fissazioni NESSUNA A PARTE ULTIMAMENTE UN Po’ DI DISAGIO A STARE IN LUOGHI AFFOLLATI MA QUESTO è COLPA NOSTRA. LO PORTIAMO FUORI POCHISSIMO, NOI GENITORI PER MANCANZA DI TEMPO E LA NONNA PER MANCANZA DI ENERGIA!
SCOLARIZZAZIONE
asilo nido NO . A che età ……………. Reazioni eventuali ………….
Scuola materna COMINCERA’A SETTEMBRE.. eventuali difficoltà di inserimento, ambientamento............
Successive scuole ....... apprendimento ........ comportamento .........
RAPPORTI SOCIALI, amicizie, attività extrascolastiche, occasioni di incontri con altri POCHE OCCASIONI
SITUAZIONE FAMILIARE
altri conviventi (nonni, parenti, ecc) …………
Organizzazione familiare per l'accudimento (orari dei genitori, nonni, baby sitter, ecc: descrivete come siete organizzati, la giornata tipo del bambino e della famiglia) NEI GIORNI FERIALI LA MATTINA STA TUTTO IL TEMPO O QUASI CON LA NONNA CHE LO VIZIA UN Po’ E GLI Dà IL TABLET OGNI VOLTA CHE VUOLE. A MEZZOGIORNO MANGIA SEMPRE VOLENTIERI (ANCORA PAPPE!) CON LA MAMMA. NEL POMERIGGIO DORME FINO ALLE 16:30 CIRCA, FA MERENDA, VA UN Po’ IN GIARDINO O GUARDA I CARTONI ANIMATI, GIOCA COL TABLET. DOPO CENA TELEVISIONE E GIOCHI SUL DIVANO. GLI PIACE BALLARE CON LE SIGLE DEI CARTONI ANIMATI
modalità educative (permissive, ferme, severe, variabili, orari di sonno, dove dorme, chi 'comanda': adulti o bimbo? ecc .....).CON LA NONNA PERMISSIVE, CON NOI VARIABILI. DORME DALLE 21:30 FINO ALLE 7:00 CIRCA SEMPRE NEL SUO LETTINO. COMANDIAMO NOI perché NON E’ UN BAMBINO CHE HA TROPPE PRETESE E SI ADATTA FACILMENTE, AL CONTRARIO DEL FRATELLO
tempo video (cioè passato alla televisione, video-giochi, telefonino ecc) PURTROPPO TANTO OGNI GIORNO!!! CON TABLET E TELEVISIONE
EVENTI PARTICOLARI,
cambiamenti, trasferimenti, lutti, difficoltà, malattie di familiari, ecc.... CI SIAMO TRASFERITI UN ANNO FA (LUI AVEVA UN ANNO E MEZZO) IN UNA NUOVA CASA MOLTO Più GRANDE MA NELLO STESSO COMUNE
Visite mediche, ospedale, altro. NESSUNA A PARTE I CONTROLLI DALLA PEDIATRA
Eventuali esami fatti e referti (Udito, vista, eeg, rmn,...) NESSUNO A PARTE GLI ESAMI ALLA NASCITA
Altre osservazioni ……….

Grazie mille

La ringrazio per la risposta.
Provvederemo appena possibile a raccogliere qualche video e ad inviarlo per email.
Mi chiedo comunque: possibile che ci sia così tanta differenza tra un fratello e l'altro? Il maggiore non ha mai avuto problemi di linguaggio, a 18 mesi parlava già bene. Di contro però ha sempre avuto un carattere difficile e problemi di addormentamento e risvegli notturni frequenti.
Il fratello piccolo invece è all'opposto.
Le manderò i video il prima possibile.
Grazie mille di nuovo

Forse la situazione

Forse la situazione ambientale è poco stimolante per comunicare e imparare a parlare. Forse la routine prevale sulle novità e le abitudini sulle nuove esperienze. Per cui forse c'è poco stimolo ad esplorare sia ambienti che oggetti che persone. Potrebbe essere utile vederlo in dei video in interazione con familiari, fratello, ecc.

Le ho appena inviato i filmati

Salve dottore le ho appena inviato i filmati per email come richiesto.
Attendiamo un suo responso.
Grazie infinite

Ho visto i filmati, che salta

Ho visto i filmati, che salta sul divano col fratello, che usa giochi e tablet, sulle scale, con lo stimolo di fratello e genitori, e lui è sorridente, sereno, attento, rispondente, interessato sia agli oggetti che ai familiari, ma non dice una parola. Mi sembra capisca tutto.
Un po' come trattenuto, pacato, forse poca iniziativa di comunicazione, magari nel filmato è molto stimolato e un po' passivo.
L'ambiente mi sembra normalmente stimolante, non so con la nonna.
Forse ha modi come di un bambino più piccolo, anche dalle notizie fornite.
Sembra un sempice ritardo comunicativo in bambino un po' immaturo. Bisognerebbe forse vedere un po' di più l'interazione e l'attività spontanea. Potrebbe essere utile fare un EEG nel sonno per escludere la sindrome di Landau Kleffner e simili, delle epilessie che si manifestano solo con problemi di linguaggio.
E' interessato a librini, a sentire leggere o raccontare storie?. La sera magari sarebbe utile raccontare una storia prima di dormire, invece che lasciarlo addormentare da solo.
Se credete si può fare un incontro via skype per vedere e parlare direttamente.

Grazie per il suo parere

La ringraziamo dottore. La sua risposta ci conforta perchè ci sembra di capire che tenda ad escludere sindromi come autismo o simili, giusto?
Ci sembra che abbia capito benissimo anche il profilo di nostro figlio piccolo. E' molto comunicativo ma il linguaggio è molto carente. Lui si esprime molto con il gioco, i gesti e le interazioni con noi, ma il linguaggio è limitato a sillabe ("na" sta per nonna per esempio) oppure a versi (i versi degli animali, i suoni dei mezzi di trasporto ecc.).
Le uniche parole che dice (raramente) bene sono: mamma, papà, pappa e qua qua (verso dell'anatra).
I filmati che ha visto mostrano il bambino in momenti di gioco con noi, ma se dobbiamo essere sinceri, purtroppo l'ambiente non è sempre così stimolante. Le confessiamo infatti che passa moltissimo tempo a giocare da solo, è un bambino tranquillo e forse ce ne approfittiamo un pò.
Anche col tablet purtroppo ci trascorre davvero tantissimo tempo!
Ieri, invece, ha passato tutto il pomeriggio ad una festa di compleanno. C'era tantissima confusione, tanti bambini piccoli e grandi. Lui si è trovato perfettamente a suo agio, giocando con i palloncini e con un altro bambino (mai visto prima). Interagiva con grandi e piccoli senza problemi. L'abbiamo visto sereno allegro e soddisfatto e anche più grande rispetto a non molto tempo fa.
Per quanto riguarda l'EEG nel sonno, dobbiamo farcelo prescrivere dalla nostra pediatra? Come avviene l'esame, deve essere ricoverato in ospedale?
Purtroppo non è molto interessato alle storie raccontate e ai libricini per bambini. Li sfoglia frettolosamente e li accantona.
Dice anche che le sembra si comporti da bambino più piccolo, in effetti questo lo pensiamo un pò anche noi ma cosa significa? Che sarà sempre indietro rispetto ai coetanei? La cosa ci dà un pò pensiero, soprattutto in vista della scuola materna, come possiamo procedere per aiutarlo un pò?

Le previsioni si possono fare

Le previsioni si possono fare solo con diagnosi certe di malattie conosciute - e non è quasi mai il caso dei ritardi evolutivi o di linguaggio. Oppure vedendo l'evoluzione in un periodo. Come lo vedete, rispetto a sei, tre mesi fa? Se è in evoluzione positiva probabilmente continuerà così.
L'autismo è un 'fantasma' che corre su internet e giornali ecc., e anche fra gli addetti ai lavori, ma è probabilmente un concetto sbagliato, tanto più quello di spettro autistico. Specialmente nei primi anni.
Ci sono diversi bambini che arrivano alla scuola materna che non sanno ancora parlare bene, importante è che abbiano esperienza di ambienti fuori di casa e del distacco dai genitori e di conseguenza una certa capacità di adattamento. Il periodo di inserimento viene fatto gradualmente apposta per una conoscenza reciproca fra bambino e asilo.
L'addormentamento è un momento di distacco, è utile che sia fatto accompagnato da un genitore accanto che gli racconta una storia o gli fa compagnia, gli canta una ninna nanna, ecc

L'eeg nel sonno spontaneo viene fatto da laboratori EEG organizzati in proposito, anche fuori dagli ospedali, e non richiede nè ricovero nè sedazione, ma solo una condizione ambientale in cui il bambino possa addormentarsi in braccio alla mamma: i laboratori danno indicazione su come fare, al momento dell'appuntamento ( svegliare presto il bambino, farlo mangiare, ecc). Senta il pediatra per avere indicazioni.

Sì l'evoluzione è positiva

Sì l'evoluzione è positiva, linguaggio a parte. Fino a qualche mese fa per esempio non voleva neanche vederlo il tablet. Ora invece lo accende da solo e fa tutto lui!
Diciamo che sia io che mio marito, non vediamo nulla di anomalo in lui se non la scarsità nel linguaggio e forse un pò di cocciutaggine quando vuole qualcosa ma non più di tanto, capriccetti (rari) che a questa età i bambini fanno.
Magari le riscriverò dopo i primi tempi di scuola materna per aggiornarla e nel frattempo mi informerò con la pediatra riguardo all'eeg nel sonno.
Intanto grazie infinite.
Buona giornata

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)