Crea sito

Sviluppi del dibattito su abbandonare l' autismo

Christopher Gillberg sul suo blog è tornato recentemente sul tema dell'abbandonare il concetto di autismo, con un titolo significativo: "Basta con la fede religiosa nell'adi/ados" , che , aggiungerei, sono diventati l'ADE, l'inferno di tanti bambini e famiglie.
Vale la pena di citarlo per esteso: "C'è un dibattito in corso sulla validità del disturbo spettro autistico... Molti stanno preoccupandosi che (i cambiamenti prospettati) portino alla caduta dei servizi per gli individui con problemi che attualmente vanno sotto l'etichetta diagnostica di Autismo. Mentre io sono un sostenitore della decostruzione dell'autismo nella ricerca, sono ancora un "credente" nel concetto clinico di autismo. Ci vorranno probabilmente anni, se non decenni, prima che possiamo rimpiazzare l'etichetta attuale con parole, concetti che catturino meglio le qualità del 'fenotipo' e stabiliscano i bisogni di (nuovi) servizi specializzati per individui con 'autismo'..... Why replace it at all so long as people know what we mean by it? - Il grande problema è che tanta gente coinvolta nei servizi clinici giornalieri, così come nei centri diagnostici hanno relativamente poca esperienza nel campo dei disturbi neuroevolutivi dell'ESSNCE- e che essi sembrano creder quasi ciecamente negli algoritmi dell'ADOS o dell'ADI,... Questi strumenti non possono mai essere superiori a una valutazione clinica esperta e globale. Le generazioni più giovani di specialisti devono fare esperienza nell'intero campo dell'ESSENCE, quelle più vecchie devono smettere di raccomandare gli 'strumenti specifici per l'autismo' come soluzioni magiche, abracadabra, per gli aspetti diversi dei casi che presentano sintomi autistici.
..."

Mi sembra un importante passo avanti. Un grossa crepa sembra aprirsi nella costruzione dell'autismo e non è difficile prevedere che questa crepa, malamente nascosta dagli adepti al vecchio Autismo, porterà al crollo dell'edificio come di un castello di carte. Come nella novella di Andersen del re che tutti vedono come è nudo in realtà, dopo che il bambino ha smascherato l'inganno collettivo dei vestiti magici!
Colpisce la descrizione degli attuali giovani specialisti dell'autismo come semplici applicatori di tecniche imparate sull'argomento che non saprebbero che fare se gli cambia l'argomento, quasi robot addestrati solo a fare poche manovre, come d'altronde loro fanno nell'addestramento dei soggetti 'autistici'; e di quelli vecchi come diffusori di credenze magiche. A questo siamo arrivati nella formazione di specialisti in psichiatria infantile e nelle professioni correlate.
Colpisce ancora di più l'idea che verranno a mancare servizi e assistenza, che evidentemente erano stati creati solo per uno specifico modello interventi. E qui si vede per converso anche il conflitto di interessi che porta a resistere al cambiamento e al tentativo di continuare come prima, tanti sono gli interessi in gioco. E che dire di una Università che ha formato solo specialisti per l'ADOS, di scuole che hanno formato terapisti solo per l'ABA, cioè persone che hanno imparato a occuparsi in realtà di uno 'spettro', un fantasma inesistente.

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)