Crea sito

un suo parere

Gent.mo dott. Benedetti,
tempo fa Le scrissi perché ero preoccupata per il mio nipotino e Lei mi rispose con molta sollecitudine e professionalità tranquillizzandomi un po’. Il bambino è sempre seguito per il suo problema e ultimamente è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti. Le allego la relazione stilata dalla equipe della U.O. per avere un suo parere. Si può fare altro? Fra un anno il bambino dovrà frequentare la prima elementare. Sarà in grado? Riuscirà ad uniformarsi agli altri della sua età? Questo problema è dovuto al suo pregresso che sembra oramai completamente risolto o sono due patologie indipendenti fra loro?
La ringrazio fin da ora per la Sua gentile disponibilità.
Cordiali saluti

Al medico curante del bambino…………..nato il giorno…………..settembre 2012, ricoverato il giorno…………maggio 2017 e dimesso in data odierna con diagnosi: Disturbo Specifico di linguaggio misto a componente fonologico-sintattica. Cardiopatia congenita.
Unigenito nato da parto naturale dopo gravidanza regolare, a termine. Peso alla nascita Kg 3,390. Primi atti fisiologici nella norma. Accrescimento staturo-ponderale regolare.
Deambulazione autonoma acquisita a 12 mesi.
Linguaggio comparso a 18 mesi con successive lentezza e difficoltà di strutturazione.
Controllo sfinterico acquisito intorno a 3anni e mezzo.
Ritmo sonno-veglia regolare.
Non deficit riferiti agli organi di senso.
E’ alla fine della frequenza del 2° anno della Scuola per l’Infanzia con l’insegnante di sostegno per 20 ore/sett.
Vaccinazioni complete.
Cardiopatia congenita trattata chirurgicamente: effettuati due interventi chirurgici ( DIV, DIA da ostium secundum, straddling della tricuspide);attualmente effettua controlli periodici.
Nel 2015 ha effettuato visita NPI presso questa U.O. per ritardo nella comparsa del linguaggio.
Nel 2016 ha effettuato valutazione logopedica privatamente.
Con l’ingresso alla Scuola per l’Infanzia veniva seguito dalla UMEE del Distretto di appartenenza ed iniziava terapia logopedica a 2 sed./sett., ancora in atto. Viene riferito miglioramento del linguaggio, vengono descritti scarso equilibrio, difficoltà nella motricità fine, gioco ancora poco strutturato.
Viene a ricovero per valutazione clinico-strumentale ed evolutiva.
All’ingresso le condizioni apparivano buone. Cute e mucose rosee, pannicolo adiposo sottocutaneo uniformemente rappresentato. Dermatite atopica arti inferiori e natiche. Cicatrice allo sterno esito di intervento chirurgico. Indenni gli apparati osteoarticolare, linfoghiandolare, respiratorio, digerente e uro-genitale.
Esame neurologico: riflessi superficiali e profondi presenti, normoevocabili, simmetrici. Funzionalità cerebellare in ordine. Nervi cranici indenni. Il bambino collabora alla visita. Presenta un comportamento adeguato.
Valutazione neuropsicologica: il bambino è stato osservato in più sedute in attività libera e direzionata e attraverso la somministrazione di test ( WPPI-III, Leiter-3, Prove di valutazione psicolinguistica, Batteria APCM ).E’ disponibile alla valutazione e allo scambio, predilige il gioco silenzioso, non sempre risponde alle domande che gli vengono poste; tali modalità sono da correlarsi al disturbo linguistico, non si ravvedono peculiarità interazionali o di comportamento, sono presenti gioco condiviso, triangolazione dello sguardo, reciprocità nell’interscambio relazionale. Lascia i giochi quando gli viene proposta l’attività testologica strutturata, focalizza e mantiene attenzione sulle prove per tempi consoni alla esecuzione delle stesse; si sottolinea che tempi di attenzione e motivazione all’esecuzione appaiono maggiormente adeguati nelle prove che non presuppongono linguaggio. Dalla WPPSI-III emergono abilità cognitive nella media inferiore attesa per l’età con discrepanza tra le prove che presuppongono concettualizzazione ed elaborazione verbale e quelle che necessitano di una modalità non verbale di problem solving ( QI Totale 81, QI verbale76, QI performance: 91 ). La capacità di rispondere a semplici domande e l’ampiezza del vocabolario sono complessivamente discrete ( IN p.p.8, VC p.p. 6 ). Non è ancora possibile la somministrazione del subtest che implica la capacità di inferire una parola sulla base di un suggerimento dato. Le abilità visuocostruttive, quelle di associazione simbolo-figura sono complessivamente adeguate ( DC p.p. 7, M.L.p.p. 10, C.I p.p. 9, CR p.p. 6 ). Dalla Leiter-3 emergono abilità cognitive non verbali nella media attesa per l’età ( Leiter-3 QI breve 90 )
Valutazione logopedica. La comprensione lessicale (Peabody Raw Score 41 ) evidenzia un QI Verbale di 78 per l’età. La comprensione morfosintattica ( Rustioni prot. 4B: aa 4-4,6 ) si colloca tra il livello medio e medio alto. Il protocollo successivo ( Rustioni prot. 4B aa 4,6-5; 6 errori ) si colloca al di sotto della media. La comprensione narrativa ( BU 10/15 ) è prevalentemente letterale. Le prassie orofacciali non verbali ( Bearzotti e Fabbro )possibili sono il mostrare la lingua, il battere i denti, il sorridere. Il bambino ha difficoltà nel mordere il labbro inferiore, nel soffiare, nel gonfiare le guance, nel toccare la guancia con la lingua, nello sbadigliare e nel mordere la lingua tra i denti, nello schiocco della lingua e nel fischio. L’inventario fonetico è caratterizzato dalla instabilità nell’articolazione del fonema /v/, dalla sostituzione del fonema /r/ con /l/, dalla modifica delle affricate /tᶴ/ e /dᶾ/ e della fricativa /ᶴ/ sostituite da /s/, da modifica di /ƞ/. A livello fonologico si riscontra gliding, riduzione del gruppo consonantico complesso ( /kala/ per “scala”, /kaka/ per “casca”, /putᶴini/ per “pulcini”), armonia consonantica ( /pepe popo/ per “prende il topo”, /kole fole/ per “corre forte”), metatesi ( /kos:olata/ o / kotᶴolata/ per “ cioccolata”), processi multipli in programmazioni fonologiche complesse (/bikikles:a/ per, “ bicicletta”), nasalizzazioni (/mambina/ per “bambina”, /muona/ per “ buona”).La produzione lessicale ( TFL 22/45) si colloca al 25° centile ( 50° per 4 aa); la produzione morfosintattica ( Test di Ripetizione frasi Caselli Casadio) è costituita da frasi Soggetto Verbo Oggetto ( item 4 / i gat:o pepe i popo/ per “il gatto prende il topo”; item 7 / a bimbina ape la finetRa/); si rilevano difficoltà nell’uso dei funtori ( item 8 / il mambino dom:e il let:o/). Nello spontaneo si rilevano frasi Soggetto Verbo Oggetto Complemento ( item 1/ un bimbo pende i fioRi a mam:a/). La pianificazione narrativa ( RV La bici), in fase I e II, è a livello di cronache/ mucchi: ripetizioni di frasi non collegate casualmente.
Valutazione delle abilità prassiche e della coordinazione motoria. Sono state valutate le abilità prassiche, la coordinazione motoria, gli schemi di movimento e le funzioni cognitivo-adattive attraverso il protocollo APCM, fascia di età 4,6-6-anni ( Sabbadini, Tsafrir, Iurato). Il bambini ha età (4,8). Il suo profilo si colloca sotto la media negli ambiti: oculomozione ( tra il 50° e il 25° centile); equilibrio, coordinazione dinamica, abilità grafomotorie, abilità manuali ( tra il 25à e 10° centile); gesti simbolici, abilità costruttive ( 10° centile);movimento in sequenza delle mani e delle dita delle mani, sequenzialità esplicita motoria e visuo-spaziale, movimenti intenzionali oro-facciali, prassie orali ( sotto il 5° centile).
Sintesi: ” Disturbo Specifico misto” a componente fonologico- sintattica. Necessita di continuare l’intervento logopedico già in atto, in collaborazione con gli insegnanti. Le abilità cognitive sono globalmente adeguate. Si evidenziano fragilità nelle competenze prassiche, si indica lavoro specifico per favorire lo sviluppo dei seguenti ambiti: equilibrio e coordinazione dinamica, abilità manuali, abilità grafomotorie, prassie orali abilità costruttive. Si suggeriscono:
• Giochi con la palla ( lancio e presa ), giochi motori in piccolo gruppo.
• Attività di manipolazione ( creta, pongo, pasta di sale……..) attività in cui è richiesta la coordinazione bimanuale ed oculo-manuale, tagliare, strappare, sciogliere nodi.
• Attività grafomotorie ( lavorare sulla laterizzazione, sull’impugnatura corretta), disegno di soggetti grafici più comunemente raffigurati attraverso un lavoro svolto in parallelo.
• Ricostruzioni di figure tagliate in pezzi (puzzle), costruzioni con blocchetti colorati attraverso immagine figurata.
Si concorda controllo ambulatoriale presso questa U.O. per il prossimo maggio 2018 per due sedute di terapia occupazionale individuale e due sedute di valutazione logopedica.

Come dicevo in precedenza,

Come dicevo in precedenza, queste valutazioni in sè mi dicono poco: si vede la 'fotografia' delle prestazioni del bambino all'esame, non si ha un'idea dell'evoluzione in atto: progresso, staticità, regressione. Bisognerebbe che mi descrivesse meglio l'evoluzione del bambino, la situazione attuale, e l'organizzazione familiare.

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)