Crea sito

diagnosi di disturbo pervasivo non specificato

Salve Dottore,
ho preso la vostra e mail da internet.
ho letto parecchi forum Suoi.
sono il papa' di una bimba di 30 mesi alla quale e' stato diagnosticato:
DISTURBO PERVASIVO DELLO SVILUPPO NON ALTRIMENTI SPECIFICATO ( F84.9).
Purtroppo ho fatto l'errore di rovinarmi leggendo le tante storie su internet, sono distrutto.
Tra poco inizieremo un trattamento psicoeducativo in un centro convenzionato ASl nella nostra zona ( le scrivo dalla provincia di ...).
Volevo chiederle se e' possibile avere un appuntamento presso la vostra sede di Firenze per farle vedere La bambina.
ho questo numero ..., posso contattarla ?
Io noto che mia figlia ha dei comportamenti strani e diversi da bambini della sua' eta'.
Anche se devo essere sincero da quanto abbiamo avuto questa prima diagnosi, mia moglie ed io ci stiamo ponendo diversamente con nostra figlia:
e abbiamo notato dei piccolissimi miglioramenti rispetto a 10 giorni fa.

Lei non indica le cose che vuole, prima faceva dei versi quando voleva l'acqua e noi subito gliela davamo, adesso lei dice E' Bere !! E' bere.
Spesso ripete parole sentite qualche istante prima e le ripete di continuo, a volte si dondola da destra a sinistra con busto e capo e a gambe aperte , a volte cammina sulle punte (non sempre) non parla con frasi , ma solo parole: bere, dormire, apri, chiudi,
ha problemi motori: non sa saltare da posizione eretta ma solo sulle ginocchia, non scende le scale bene ( anche se le scende e sale da sola mantendosi alla ringhiera) non corre proprio bene a se c'e' qualche piccolo intoppo a terra e come se gli girasse intorno. se C'e' una sedia davanti al suo percorso lei non cerca di spostarla ma la aggira, mi sempra molto impacciata.
mangia da sola ma non vuole bere l'acuqa da sola: la vuole sempre da noi, inoltre ho l'impressione che non sappia fare sorsi continui. Invece il latte lo prende normalmente dalla bottiglina da sola facendo i sorsi.
Spesso, specialmente quando e' concentrata, non si gira se la chiamiamo. non sa dire Si o NO. Ma se non vuole una cosa sa scuotere il capo.
E' Affettuosa con mia moglia e con me e con alcune persone della mia famiglia e ama giocare con i grandi mentre ha seri problemi con i coetanei ( sembra che abbia paura). Credo che abbia un discreto contatto oculare con tutti ma non so...
Spesso ha per le mani giocattoli (un cerchietto, un animale, degli occhiali) per minuti interi e sembra non volerli lasciare mai...

queste sono le cose piu' negative che io noto. sono disperato ho paurla per quello che ci aspetta per noi e per la bambina, inoltre mia moglie e' di nuovo in attesa e ho tanta paura per tutto.

grazie e spero che leggiate questo messaggio... Buonasera

DI NUOVO A DISTURBARLA, SALVE DOTTORE

La volevo informare dopo alcuni incontri di restituzione avuti con le responsabili del centro asl.... continua

AGGIORNAMENTO

Salve Egregio Dottore,
Le scrivo per informarla sugli ultimi sviluppi in merito a mia figlia di 34 mesi.
Stiamo facendo terapia cognitivo comportamentale(metodo Denver) al centro asl da circa 1 mese e mezzo.
La bambina, a detta degli operatori, entra in relazione per tutti i 100 minuti della seduta, cercando il gioco con la terapista. La terapia consiste effettivamente nel gioco perche' al centro insistono sull'aspetto relazionale che dovrebbe poi fare sviluppare altre competenze.
Loro, da quanto ho capito non considerano molto la diagnosi in entrata (DPS NAS dello spettro AUTISTICO), ma fanno forza sul fatto che F. entra in relazione.
Noi a casa stiamo notando dei piccoli migliormaneti, nel senso che la bambina ci cerca di piu': ci chiama molto piu' spesso per giocare a disegnare a giocare con la palla, oppure a giocare sul letto con me. (prima quasi non lo faceva mai). In altre parole condivide un po di piu'.
Ha comunque degli atteggiamenti strani ancora con gli oggetti che li fissa da vicino in maniera estremamente concentrata e spesso ancora ha dei momenti dove si dondola sopratutto quando c'e' musica. Per quanto riguarda il linguaggio e' ancora molto in ritardo, anche se adesso cerca di piu' di fare una frase ma per esprimere sempre un bisogno (ad es. nel giocare nel mangiare). ma siamo ancora lontani da commenti su avvenimenti o stati d'animo.
La comprensione contestuale 'e migliorata molto nel senso che capisce quasi tutto cio' che le diciamo, ma non ancora sembra comprendere concetti un po piu' astratti (ad es. oggi non possiamo scendere perche' piove ).
Stiamo cercando di non illuderci ma qualcosina in meglio c'e'.
Per quanto riguarda il gioco simbolico ancora non vedo grandi cose , anche se a volte prende degli oggetti e li usa come telefono facendo : "pronto".
Spesso quando le mettiamo un cappello o degli occhiali o una collana lei corre davanti allo specchio, ma poi ci resterebbe per minuti a fare strani movimenti e smorfie. Inoltre spesso gioca con la sua ombra, e' normale ??
Un altra cosa che ci preoccupa e' che la bimba non si riconosce nelle foto, mentre riconosce tutte le persone della famiglia e i cuginetti.
Ancora non risponde al come ti chiami, e sembra che non abbia coscenza di se stessa.
mi scuso per la confusione e con ansia aspetto un suo gradito parere.

Io penso che le esperienze

Io penso che le esperienze positive sono 'terapeutiche', qualsiasi nome abbiano. Se la bimba ci va volentieri mi sembra un buon segno.
Ma non vorrei che voi guardaste la bimba solo con occhi che misurano il suo 'ritardo' o le sue 'incapacità', invece che per conoscerla come è e come pensa e cosa le passa per la testa. Il rischio è che si voglia farla diventare una specie di 'piccola adulta', invece che vedere la bambina che è, e come sta crescendo. Il mio consiglio è di smettere di farle test e domande come se fosse sempre sotto esame, e invece di cercare di entrare in contatto con lei. Anche perchè questi anni sono irripetibili, e passano in fretta...

SALVE DOTTORE

La ringrazio per le risposte celeri. Non avete idea come sia apprezzato questo portale e quanto sia importante per noi che siamo davvero angosciati.
La bambina comunque sta frequentando una ludoteca per 2 3 ore al giorno e le maestre ci hanno detto che lei vuole fare quello che dice lei e si rifiuta di fare attivita con altri bambini.
qaundo mia moglie l'accompagna il distacco non e' traumatico.
Comunque volevo informarla che sabato 02 marzo abbiamo un altro incontro con un NPI privatamente (siamo sempre in attesa dell'inizio della terapia psicoeducativa dal centro ASL). Lui ci ha gia' anticipato che fara' fare esami alla bambina (come consigliato anche da voi).
Chiedevo di poterla ancora disturbare Eventualmente dopo il suddetto incontro con il NPI.
Infatti il medico dell'ASL (primo NPI a visitare la bambina ha fatto una diagnosi DPS NAS F.84.9) guardando la bambina per 30 o 40 minuti annotando tutto cio' che osservavamo noi a casa sulla bambina e facendo delle domande a me e mia moglie sul parto ecc.
Ormai siamo nel pallone e mi preoccupa molto la prossima nascita del nostro secondo figlio.
In quanto al fatto dei 12 mesi che mia moglie ha accudito le nonne: effettivamente forse mia moglie spesso essendo super impegnata, metteva la bambina davanti alla tv per parecchio tempo e lei guardava molto la tv e sopratutto ascoltava le canzoni quasi estasiata e si dondolava all'inverosimile. Ora la Tv l'abbiamo quasi eliminata e la bambina spesso prende il telecomando e lo porta a noi dicendo : " cartoni , cartoni" !!
Il dondolarsi rispetto a prima e' un po diminuito ma quando parte una musica lei subito inizia a dondolarsi come incantata.
Il problema che spesso si dondola anche senza musica( quasi come se si assentasse provando una specie di piacere). quando la richiamiamo lei si gira indispettita e minacciosa vorrebbe darci uno schiaffo.
Scusi la confusione ma scrivo di getto con una confusione incredibile.
Ancora grazie anticipatamente Cordiali Saluti

Spesso questa diagnosi è

Spesso questa diagnosi è usata, per necessità burocratiche (riempire moduli statistici di controllo dell'attività) , come 'diagnosi di attesa' in situazioni poco definite e poco comprese. A mio avviso comunicarla alla famiglia è dannoso e inutilmente angosciante oltre che falsificare le statistiche. Fra l'altro è forse la causa dell'epidemia di 'diagnosi di autismo', non di 'casi di autismo', sottolineo, cui si è assistito nell'ultimo decennio. E del gran numero di casi che poi "escono dalla diagnosi" dopo terapie e interventi più o meno utili e necessari. Probabilmente erano solo diagnosi sbagliate.
Non ho difficoltà a darvi un appuntamento, per telefono o per email. Considerate anche la possibilità di inviarmi dei filmati per internet (non DVD), secondo queste istruzioni. Le risposte ai filmati comportano però un modico pagamento secondo queste altre istruzioni.
Cordialmente
drGBenedetti

Volevo informarla che abbiamo

Volevo informarla che abbiamo avuto un colloquio con la neuropsichiatria del centro asl dove la nostra bambina fara' terapia psicoeducativa.(cosa ne pensa di questa terapia?)
La dottoressa ci ha confermato, dopo un breve visita, che la bambina rientra nello spettro autistico (disturbo pervasivo dello sviluppo nas).
siamo preoccupati anche se rispetto a cio' che vi ho scritto l'ultima volta, nostra figlia ha imparato a saltare (solo sul letto),
ha imparato a bere da sola vicino alla bottigletta push-up (prima voleva per forza che la facessimo bere noi),
la cosa che ci preoccupa davvero e' che non socializza con i coetanei anche se adesso e' leggermente piu' incuriosita quando e' con altri bambini, e inoltre abbiamo l'impressione che non capisca i comandi: " prendi questo, vieni qua, vai da mamma, vai da papa' ecc.".
Le ricordo che nostra figlia oggi ha compiuto 31 mesi e stiamo cercando di stimolarla molto ma a vediamo troppo indietro rispetto a bambini della sua eta'.
il linguaggio e' sempre il solito : singole parole, spesso non contestuali, assenza di frasi ecc.
La neuropsichiatria ci ha comunque detto che ci sono buone aperture in positivo, la bima guarda, sorride ha condivisione ecc.
ma la ritiene comunque nello spettro autistico.
Inoltre dottore ,e concludo, abbiamo notato che si dondola un pochino di meno e cammina molto piu' raramente sulle punte.
Nel ringraziarvi anticipatamente per la vostra pazienza attendo con pazienza un suo giudizio.

saluto cordialmente!!!

In genere i bambini autistici

In genere i bambini autistici sono bloccati o quasi nel loro sviluppo, che è fortemente alterato. Se vostra figlia sta facendo vari cambiamenti in un breve periodo, come mi sembra descriviate, questo di per sè esclude l'autismo. Che poi non consiste nel non socializzare con i coetanei, ma nell'essere distaccati da tutto il mondo degli altri.
La categoria dello 'spettro autistico' è a mio parere confusiva e fonte solo di una quantità di errori diagnostici e di inutili ansie e difficoltà per bambini e famiglie.
L'essere in ritardo rispetto alla media, non è di per sè 'patologico'. Può leggere la pagina sul ritardo psicomotorio a questo proposito.
Se vuole un mio parere sulla vostra situazione dovrebbe darmi altri elementi, come nelle istruzioni, e come dicevo possono essere utili dei filmati in cui si vede il bambino con i familiari in un contesto tranquillo, normale.
Cordialmente
drGBenedetti

Questionario

Inserito da carpas il Dom, 24/02/2013 - 13:45.

Salve Dottore le rispondo secondo vostre istruzioni ,sono il Papa di Francesca 31 mesi:
-problemi in gravidanza: NO
- nascita alla settimana 42
-parto naturale ma la bambina e' nata scura anche se l'apgar e' 8/9 (cosi' c'e' scritto)
(credo abbia sofferto un po prima di nascere)
-peso : 3030 gr altezza 49 cm circonferenza cranica 32,5
- ricovero 3 giorni
-Allattamento materno (fino a 14 mesi)
-svezzata a 5 mesi
- sonno normale (forse tranne i primi 3 mesi)
- e' accudito da mamma e papa'
-dopo svezzamento mangia quasi tutto si sveglia alle 07:00 con biberon di latte,
mangia di solito alle 12:30 circa poi fa il pisolino e la sera mangia verso le 19:00 20:00
per poi riprendere il biberon con latte alle 22:00 - 22:30 e si addormenta o con il biberon in bocca (quando e' stanca) oppure toccando i capelli della Mamma.

-sviluppo psicomotorio: a 6 7 mesi seduta da sola
-primi passi da sola a 16 mesi (non ha mai gattonato).
- sembra impacciata non sale e scende le scaqle disinvolta non sa salire su uno scivolo
- il controllo sfinterico non lo ha ancora ( anche se spesso avverte che deve fare cacca o pipi')
-non e' molto curioso degli estranei e a volte se ha paura
- a volte quando si separa da noi piange e a volte no dipendeù.
comunque e' piu' attaccato alla mamma.
con gli adulti giocherebbe per ore, e a volte per gli ambienti nuovi ha qualche reazione di pianto ma non sempre. e se un estraneo la gioca lei sempra vergognarsi all'inizio , ma dipende non e' sempre la stessa.

-gioca con i giocattoli, non tutti, imita molto cio' che facciamo ( per esempio parla a telefono, beve il caffe' da una tazzina giocattolo) anke se sotto nostra richiesta. non saprei per il gioca simbolico...
-per il disegno ama scarabocchiare e su richiesta tenta di fare una linea retta (ma non ci riesce)
-lallazione a 6 7 mesi
da piccolina pero' 12 13 mesi gia' sapeva ritmare canzoncine ( tanti auguri ecc.)
- le due parole insieme: "ecco qua" ( perche' lo dice sempre la mamma)
- in No e il _SI non li usa anche se avvolte lo fa ma come se fosse automatico ( e' una mia impressione).
- non fa frasi dice solo parole singole (bere, salire, apri, chiudi, togli, metti, papa' mamma,)
spesso pero' chiama persone e cose che non c'entrano nulla)
- non e' obbediente e' abbastanza iperattiva, capricciosa e quando c'e' un divieto piange e si innervosisce ( a volte da anche degli schiaffi a noi genitori)

- scolarizzazione: sta frequentando un ludoteca da 4 giorni.rimane anche senza piangere ma non cerca gli altri bambini. Preferisce stare con le maestre e fare cio' che dice lei.

- la composizione familiare e' composta da me e mia moglie che e' in attesa
inoltre saltuaramente c'e' un fratello di mia moglie che dorme da noi per 3 4 giorni ogni mese.
poi abbiamo i nonni che non vede molto spesso.
- le modalita' educative sono "permissive" a mio parere.
-Eventi particolari: per circa 1 anno da quando la bambina aveva 8 mesi fino a 20 mesi, cambiavamo casa ogni 15 giorni in quanto mia moglie ha perso entrambi i genitori e noi a turno (appunto 15 giorni) dovevamo accudire delle nonnine di mia moglie e una sorella di 18 anni rimasta da sola. quindi facevamo 15 giorni a casa nostra e 15 giorni da mia suocera.

Eventuali esami ancora non svolti

Spero di essere stato preciso cordiali saluti

Dalla descrizione mi sembra

Dalla descrizione mi sembra che sua figlia abbia sì un certo ritardo psicomotorio, prevalentemente simbolico linguistico, ma che non sia così "pervasivo"... In particolare non mi sembra che la sfera affettiva e relazionale sia "pervasa", cosa che a mio avviso è obbligatoria per sospettare un disturbo di tipo 'autistico'. Mi sa che in quest'epoca ogni ritardo di sviluppo suscita 'spettri' autistici.
Ora che la mamma è incinta (congratulazioni!) sarà un momento delicato per la bimba, perchè la mamma sarà sempre più 'occupata', ovviamente. Potrebbe forse essere utile e stimolante per la bambina frequentare un nido, dai prossimi tempi, per poche ore al giorno. Ma gradualmente, cercando di aiutarla ad affrontare il distacco. Non so se nel periodo dagli otto ai venti mesi che avete dovuto occuparvi delle nonne, la bambina sia stata un po' 'trascurata'. Cosa che potrebbe forse motivare, insieme alla possibile lieve sofferenza alla nascita, il lieve ritardo.
L'unico esame da fare potrebbe essere un elettroencefalogramma nel sonno, per avere informazioni utili.
Cordialmente
drGBenedetti

SALVE DOTTORE

Inserito da carpas il Mer, 27/02/2013 - 17:54.

La ringrazio per le risposte celeri. Non avete idea come sia apprezzato questo portale e quanto sia importante per noi che siamo davvero angosciati.
La bambina comunque sta frequentando una ludoteca per 2 3 ore al giorno e le maestre ci hanno detto che lei vuole fare quello che dice lei e si rifiuta di fare attivita con altri bambini.
qaundo mia moglie l'accompagna il distacco non e' traumatico.
Comunque volevo informarla che sabato 02 marzo abbiamo un altro incontro con un NPI privatamente (siamo sempre in attesa dell'inizio della terapia psicoeducativa dal centro ASL). Lui ci ha gia' anticipato che fara' fare esami alla bambina (come consigliato anche da voi).
Chiedevo di poterla ancora disturbare Eventualmente dopo il suddetto incontro con il NPI.
Infatti il medico dell'ASL (primo NPI a visitare la bambina ha fatto una diagnosi DPS NAS F.84.9) guardando la bambina per 30 o 40 minuti annotando tutto cio' che osservavamo noi a casa sulla bambina e facendo delle domande a me e mia moglie sul parto ecc.
Ormai siamo nel pallone e mi preoccupa molto la prossima nascita del nostro secondo figlio.
In quanto al fatto dei 12 mesi che mia moglie ha accudito le nonne: effettivamente forse mia moglie spesso essendo super impegnata, metteva la bambina davanti alla tv per parecchio tempo e lei guardava molto la tv e sopratutto ascoltava le canzoni quasi estasiata e si dondolava all'inverosimile. Ora la Tv l'abbiamo quasi eliminata e la bambina spesso prende il telecomando e lo porta a noi dicendo : " cartoni , cartoni" !!
Il dondolarsi rispetto a prima e' un po diminuito ma quando parte una musica lei subito inizia a dondolarsi come incantata.
Il problema che spesso si dondola anche senza musica( quasi come se si assentasse provando una specie di piacere). quando la richiamiamo lei si gira indispettita e minacciosa vorrebbe darci uno schiaffo.
Scusi la confusione ma scrivo di getto con una confusione incredibile.
Ancora grazie anticipatamente Cordiali Saluti

Vi raccomando di cercare di

Vi raccomando di cercare di mantenere la calma e non andare in confusione, come dice Lei. La maggior parte dei bambini che ricevono questa diagnosi poi nel corso del tempo " ne escono": vale a dire la diagnosi era sbagliata e si trattava di fasi un po' confuse dello sviluppo, magari per l'assommarsi di fattori disturbanti che poi vengono superati. Per tranquillizzarvi e resistere ai dubbi e all'incertezza, anche in vista della fase impegnativa in cui siete, con il previsto arrivo di un altro bambino, è indispensabile trovare un punto di riferimento di fiducia cui rivolgervi.
Da quello che descrive, potrebbe essere che la bimba ha trovato dei modi di autostimolazione, forse consolatoria dei momenti in cui stava un po' da sola, che usa tuttora e da cui non vuole essere distolta. Alcuni bambino mostrano attività di stimolazione autoerotica, strofinandosi anche strenuamente. Il dondolamento è un po' simile, anche se magari non è una stimolazione genitale diretta. Vi direi comunque di non aver 'paura delle sue reazioni 'aggressive', e di farvi intendere come genitori, per le cose che si possono fare o no. Con garbo e gentilezza, ma convinti e non spaventati e confusi come forse siete ora. Anche a voi direi di inviarmi dei video, se credete, per 'vedere' la bimba nelle varie situazioni (vedere le istruzioni per l'invio di video, all'ultimo capoverso del link).
Cordialmente
drGBenedetti

Egregio dottore

Inserito da carpas il Dom, 17/03/2013 - 14:23.

La volevo informare sugli ultimi sviluppi in merito a nostra figlia che oggi compie 32 mesi.
Abbiamo fatto 2 incontri di "inserimento" al centro ASL che ci seguira' per le terapie. Siamo seguiti da terapiste molto preparate che stanno eseguendo dei test (PEP3) alla bambina. A giorni avremo l'ultimo incontro solo io e mia moglie, dopodiche' ci faranno una loro valutazione che sara' fatta vedere al NPI asl che ci ha Diagnosticato a gennaio DISTURBO PERVASIVO DELLO SVILUPPO N.A.S. F84.9. Da quello che la terapista mi spiegava, ho capito che la bimba ha sicuramente delle compromissioni nel linguaggio e nel gioco simbolico in piu' notano che ha anche disturbi nel relazionarsi. Cmq la bambina ha fatto i test in maniera "credo tranquilla". in Alcune cose mi ha anche sbalordito: tipo riconosceva gli oggetti da un foglio e li porgeva alla terapista materialmente. Cercava di impilare cubi, costruzioni, cercava di fare le bolle di sapone ecc..
Hanno sottolineato che ha uno sguardo agganciabile tranquillamente e che ha buone aperture. A me la cosa che piu' preoccupa e' il fatto che non capisce le cose dette. piu' Spesso sembra che faccia le cose piu' in automatico. non so.... Attendiamo cmq l'ultimo incontro..

Poi come accennato gia' nelle ultime lettere siamo andati da un altro NPI privatamente: ebbene lui ha spiegato cosa vuol dire disturbo nas , e che molti bambini ne escono. Anche lui ha visto cose positive nella bimba: lo sguardo il sorriso sociale, la comunicaz. non verbale ecc..
Ma anche effettivamente notato i suoi movimenti un po bizzarri, il muoversi in continuazione, il dondolarsi avvolte, gli strani movimenti degli occhi quando guarda una cosa da vicino ecc.. il ritardo del linguaggio , l'ecolalia, in non socializzare con i bimbi ecc..
Pero' devo essere onesto lui si e' sbilanciato in positivo su nostra figlia, e se devo essere onesto anche lui ha parlato di ritardo nel linguaggio e nel simbolico come mi disse lei in una delle sue gradite risposte di alcuni giorni fa.
LE domande che le volevo porle sono: il ritardo psicomototio del linguaggio e simbolico da lei descritto e' recuperabile o e' da considerarsi un patologia inquadrabile nello "spettro" ??
Poi cosa mi consiglia sul fatto che il NPI privato mi ha suggerito di iniziare privatamente psicomotricita' e logopedia in attesa della chiamata ASL ?
consideri che da quanto ho capito al centro ASL farannco terapia cognitivo comportmaentale e psicoeducazione. Potrebbe essere dannoso ?? Lui dice meglio di stare 2 o 3 mesi senza fare nulla.

_Un ultima cosa perche mi rendo conto di aver esagerato. NPI privato ci ha consignato di andare a Pisa per un ricovero di 10 gg per escludere patologie genetiche , malformazioni al cervello ECG del sonno ecc.Lui dice che e' una cosa che non fanno tutti i suoi colleghi ma lui serve per escludere lacuni possibili cause di questi disturbi. ci terrei a sapere la sua opinione
E' inutile dirvi che io e mia moglie stiamo confusi anche perche' siamo avviliti dalla prossima nascita e abbiamo paura che non saremo all'altezza di seguire nostra figlia che ha bisogno di noi. Vorrei che quakcuni ci dicesse che si risolvera' ma e' una cosa che nessuno puo' sapere. Abbiamo tanta paura per il futuro.

Cordialmente la saluto

" il ritardo psicomototio del

" il ritardo psicomototio del linguaggio e simbolico da lei descritto e' recuperabile o e' da considerarsi un patologia inquadrabile nello "spettro"?"

Il 'ritardo' è solo una questione di "orario". Come un treno che non arriva all'orario previsto. Le cause possono essere molte, un problema della 'macchina', ostacoli lungo la 'linea ferroviaria', ecc. Dal semplice 'ritardo' non si possono saper le 'cause'.

A meno che non ci siano sospetti specifici, desumibili dalla storia del bambino (gravidanza, nascita, malattie), dalla visita diretta o da 'ostacoli' ambientali (scarsa stimolazione, separazioni, ecc) io sono per aspettare e seguire l'evoluzione, specie se il bambino mostra di non essere fermo, ma in progresso, pur se in ritardo. Spesso il ritardo viene recuperato più o meno rapidamente, se non c'erano altre patologie od ostacoli.
Per il resto non ho elementi nuovi e rimando alle precedenti risposte.
drGBenedetti

Egregio dottore

Inserito da carpas il Mar, 26/03/2013 - 17:29.

sto qui ancora a chiederle pareri anche se sono puramente indicativi sulla base di mie descrizioni
e mi rendo conto che e' difficile
Abbiamo avuto la diagnosi dal NPI privato per la piccola Francesca di 32 mesi:
Disturbo pervasivo dello sviluppo n.a.s in soggetto con sospetto lieve ritardo dello sviluppo psicomotorio, tratti dismorfici minori (??).
Terapia: intervento psicoeducativo complesso (ABA, TEACCH,PORTAGE) che includa gli ambiti di vita della piccola (casa scuola e centro riabilitazione)
Psicoterapia familiare 1/7 mirata al sostegno emotivo ai genitori.
In effetti per lui la bambina ha una compromissione del linguaggio e dell 'aspetto sociale relazionale.
Mi chiedevo in merito alla vostra rispota di domenica 24/02/2013 quando lei dice che per sospettare di un sospetto autistico bisogna avere le aree affetive relazionali pervase, intende anche il rapporto con noi genitori? perche la bambina con noi e' affettuosa ci cerca per gli abbracci, sopratutto quando stiamo a letto.

Cmq volevo informarla che anche dal centro ASL abbiamo avuto una loro valutazione e inizieremo la terapia comportamentale e psicoeducativa l' 8 aprile prossimo.

Io e mia moglie siamo confusi e proccupati anche perche' come detto tra poco avremo un altro bambino. Temiamo che lei possa avere ripercussioni in negativo in un momento cosi' delicato.
La ringrazio anticipatamente e volevo dirla che in questi ultimi 2 mesi le vostre risposte mi hanno aiutato molto. Mi sono aggrappato ai suoi consigli come se quasi non volessi accettare delle situazioni che ci spaventano tanto (spettro autistico ecc.).

Nostra figlia e allegra, solare, quando iniziamo a giocare non vorrebbe mai smettere, si diverte molto. Oggi per la prima volta ha fatto pupu' nel water, ma la considerano indietro in molte aree, ma la cosa che piu' preoccupa me e mia moglie e' il fatto che lei capisce comandi semplici e contestuali, ma non riesce a capire frasi astratte: " vuoi andare dalla nonna, vuoi andare al parco, vuoi bene a mamma" . queste cose sembra non comprenderle affatto.

Credo di essere molto confuso e scusi ancora se l'ho disturbata, cmq sto preparando dei video per inviarveli come da vostre disposizioni. Grazie a ncora e cordialmente la saluto.

Attendo i video, ed

Attendo i video, ed eventualmente la trascrizione o copia delle relazioni che avete avuto.
Cordialmente
drGBenedetti

Salve dottore

Inserito da carpas il Gio, 28/03/2013 - 18:11.

Le copio la Relazione del centro ASL. Cerchero' di fare un riassunto perche' sono 9 pagine.
- Colloquio co i genitori:
dal colloquio co i genitori emerge la descrizione di un bambina da sempre ha dimostrato di essere un po' piu' lenta negli apprendimenti rispetto all'eta' conologica. Non ha mai avuto un repertorio significativo di atti comunicativi, per cui, quando ha iniziato a parlare tendeva a ripetere singole parole sia in maniera differita, che immediata, talvolta non aderenti al contesto. Ad oggi la bambina ha un'espessione verbale non del tutto comprensibile, chiudendosi in veri e prorpi soliloqui, spesso tenendo in mano un oggetto. La bambina tende ad avere routines specifiche per determinate situazioni (es. quando finisce di bere il latte, a modo suo richiama l'attenzione dei genitori, ma se non sopraggiunge nessuno, la bambina non si attiva e continua ad aspettare).Riconosce e richiede determinate sequenze di giochi esprimendo attenzione ed emozione congiunta. I genitori rilevano il dondolamento in posizione eretta sopratutto quando guarda la TV e quando e' in funzione l'aspirapolvere, accompagnadosi spesso con canzoncine ritmate ma senza capire le parole.
- VALUTAZIONE ESDM
- comunicazione ricettiva: la bambina localizza i suoni voltandosi verso la loro sorgente, risponde ai suoni vocali gioiosi, guarda le immagini indicate dall'adulto in un libro, segue un idicazione prossimale per mettere degli oggetti dentro i contenitori, si gira quando viene chiamata per nome, esegue un'istruzione verbale anche non accompagnata da un gesto (es. siediti, vieni qui, metti a posto). E' emergente la capacita' di dare e offrire oggetti agli altri, mentre non risulta riuscita la prova relativa al seguire in'indicazione distale per cercare giocattolo, e anche nei giochi sociali la piccola non gesticola in risposta ai gesti dell'adulto (es. canzoncine mimate).
- comunicazione espressiva: la piccola, richiede allungando le braccia verso l'oggetto e lo porge all'altro (es. le bolle) quando non riesce a usarlo da sola. produce paroline in maniera intenzionale (bolle, palla, un'altra volta) combina paroline e sguardo per richiedere in maniera intenzionale. E' Emergente capacita' di indicare da vicino oggetti (ora lo fa confermo il tes e' di un mese fa) ma non sempre la bimba stabilisce un contatto ocuklare per ottenere oggetto desiderato, il cui accesso e' controllato dall'adulto. Risulta non riuscita capacita' di scegliere tra 2 oggetti.
- Abilita' sociali : la piccola accetta il contatto fisico e partecipa a brevi attivita' sociali sensoriali, prestando attenzione con contatto oculare coordinato.Risponde alle attivita' preferite con lo sguardo, il movimento, sorridendo e vocalizzando.Condivide il sorriso col partjner di gioco, ma difficilmente sollecita l'inizio o il proseguiemnto di una routine sociale sensoriale perche' il suo repertorio di giochi sociali e' ristretto.
-Area imitativa:
la bimba imita 8/10 azioni su gli oggetti, ma non imita 10 azioni motorie visibili inserite nel corso di giochi e canzoncine.
- Area Cognizione: emerge la difficolta' di raggruppare e classificare immagini identiche, ad appaiare coppie di immagini simili e a raggruppare e classificare oggetti per colore.
- Area gioco:
e' emergente capacita' di giocare autonomamente con giocattoli che richiedono ripetizione (es. anelli impilabili, contenitori cilindrici che si infilano l'un nell'altro). Non e' presente gioco di finzione con bambola.
- Area motricita' fine:
la bimba dimostra di saper mettere 1 o 2 forme nel cubo delle forme, di impilare anelli di staccare perline, di utilizzare presa a pinza e la presa con tre dita adeguando la presa alla forma e alle dimensioni del giocattolo. E' in grado di fare una torre con tre cubetti, di scarabocchiare e fare punti con i pastelli, di usare martello giocattolo, mostra difficolta' a assemblare 3 ppezzi puzzle.
- Motricita' grossolana:
La bimba e' in grado di giocare a palla con altra persona , si pretegge quando perde l'equilibrio, aggira gli oggetti sul pavimento anziche' calpestarli ed e' emergente la capacita' di calciare la palla grande.
-Area comportamento:
LA bimba interagisce in maniera appropriata con i familiari, non mostra gravi problemi di comportamento se ha un oggetto transazionale (es. pallina, matita). Mostra difficolta' a rimanere seduta di fronte a operatore, non si fa coinvolgere volentirei in semplici giochi da seduta, e solo in parte tollera la vicinanza dell'adulto.

VALUTAZIOE PEP-3
1)cognitivo verbale/preverbale: F. si orienta al suono del campanello, abbina 5 oggetti con immagini corrispondenti, trova un oggetto e' stato nascosto; e' emergente la capacita' di incastrare 3 forme geometriche in tavola a incastri, la capacita' di abbinare 5 cubetti colorati a i cerchi dello stesso colore e di eseguire 3 comandi composti da una sola azione. il livello adattivo e moderatamente compromesso per eta' pari a 26 mesi.
2)Linguaggio espressivo: F. e' capace di chiedere spontaneamente cibi e bevande ed e' em,ergente capacita' di denominare 5 oggetti. livello di sviluppo pari a 16 mesi.
3)Linguaggio revettivo: F. riconosce 3 oggetti di uso comune quabdo sono nominati,
comprende comando "vieni qui" e mostra di comprendere 3 verbi che comportano azione. E' emergentecapacita' di interrompere attivita' al "no" o "fermati". livello adattivo dello sviluppo presenta compromissione moderata pari a sviluppo di 18 mesi.
4)Motricita' fine: svita da sola tappo delle bollee seguie chiaramente con sguardo il moovimento delle bolle quando attaraversano la linea mediana del corpo, inserisce e rimuove bastoncino dalla plastilina usando presa a pinza. E' emergente capacita' di fare bolle di sapone Eta' di sviluppo e' pari a 23 mesi. il livello adattivo e' moderato.
5) motricita' globale: F. Attraversa la prorpia linea mediana per prendere pezzi da incastrare, trasferisce gli oggeti dauna mano all'altra. E' emergente la capacita' di stare in equilibrio su un piede. eta' di sviluppo e' pari a 24 mesi livello moderatamente compromesso.
6) imitazione visuo-motoria: F. dopo dimostrazioni e' capace di premere il dito lasciando impronta, di imitare azioni di tipo quotidiano con le marionette, di dimostrare uso appropriato di 4 oggetti. E emergente capacita di battere 2 volte campanello di albergo. l'eta' di sviluppo corrisponde a 27 mesi. il livello adattivo di sviluppo e moderatamente inficiato.
7) Espressione emotiva. F. si diverte al gioco del solletico, esprime emozioni adeguate durante la seduta, espime i sentimenti attaverso le espressioni del viso e le posture del corpo. E' emergente la capacita' di correggersi con il procedimento per prove ed errori. in tale area lo sviluppo e' adeguato.
8) Reciprocita' sociale: F. e' capace di guardare in viso l'esaminatore che gli parla, mostra di sentiree la voce dell'esaminatore durante il test, la sua prestazione e' influenzata da ricompense concrete e sociali, e' emergente la capacita' di chiedere aiuto e di fare a turno a mettere cubetti in contenitore, La compromissione di sviluppo in quest'are e' lieve.
9) Comportamenti motori caratteristici: F. usa l'informazione visivsa in modo appropriato, mostra interesse appropriato per gli odori, e' emergente la capacita' di completare la maggior parte dei compiti adatti alla sua eta' e di giocare da sola usando spazi e materiale in modo appropriato. Il livello adattivo di sviluppo e' compromesso in maniera moderata.
10) Comportamenti verbali caratteristici: E emergente la capacita' di comunicare in maniera spontanea con l'esaminatore e di utilizzare un'intonazione un ritmo e un volume normale del linguaggio. in tale area il livello adattivo dello sviluppo e' moderatamente compromesso.

Poi ci sono una serie di suggerimenti alla famiglia ma passo al progetto terapeutico:
Si ritiene utile, data l'esta della bambina e le difficolta' che dimostra nell'area relazionale e comunicativa un lavoro abilitativo intenso:
i primi obbiettivi sono:
-Losviluppodei correlati comportamnetali dell'intersoggettivita' primaria, tollerare la vicinanza, partecipare a sgurdi condivisi, e giochi che prevedono la presenza di altri.
- Lo sviluppo di comportamenti tipici dell'intenzionalita' comunicativa, uso dello sguardo per comunicare, uso dei gesti.
- uso funzionale degli oggetti.
tutto cio' sarebbe opportuno implementarlo, attraverso percorsi di parent-training con i genitori, al fine di migliorare la comunicazione sociale nella relazione con la bambina, prevenire i comportamenti problema, aiutarli ad interagire con la propria figlia promuovendo autoefficacia educativa nell gestione del rapporto con la piccola.

Scusi se mi sono permesso, e' stato un lavoraccio, l' 8 aprile cominceremo la terapia per 3 volte a settimana, ogni incontra di 2 ore.
Faremo anche psicoterapia familiare 1 ora a settimana io e mia moglie.

Diagno del medico ASL dopo lettura della valutazione: Disturbo dello spettro autistico (F.84.9)
mentre la prima volta fu : Disturbo pervasivo dello sviluppo n.a.s. (F84.9).

Spero la leggiate e mi possiate dare un parere. Mi sento come se stessi impazzendo oltretutto cerco di non fare proccupare mia moglie che e' a breve partorisce.
Spero che stiamo facendo il percorso giusto per nostra filgia Cordialmente la saluto.
»

La pregherei di seguire

La pregherei di seguire l'ordine cronologico, nel mettere i suoi post, inserendoli dopo l'ultimo commento, altrimenti il consulto risulta caotico.

La descrizione della bimba che emerge dalle varie prove non mi sembra così catastrofico, mi pare che c'è un modesto ritardo generale rispetto alle 'prestazioni' tipiche dell'età, come emergeva dalle risposte al mio questionario. Gli elementi segnalati, il fatto che la bambina abbia collaborato rispondendo abbastanza ai test, mi sembrerebbe escludere una patologia autistica, in cui di solito la collaborazione è molto più ridotta. Una volta si sarebbe parlato probabilmente solo di una bambina un po' in ritardo, ora l'atteggiamento degli specialisti è spesso molto più interventista. Chissà se è meglio o peggio.
Cordialmente
drGBenedetti

Mi scuso

per aver fatto confusione con la cronologia delle risposte.

Volevo informarla che adesso cominceremo le terapie al Centro ASL. Io spero che lei abbia ragione perche' noi nostra figlia la vediamo partecipe, con uno sguardo spesso furbo e dispettoso, ma molto indietro nel linguaggio anche ricettivo. cioe' alcune cose un po piu' astratte sembra prorpio non capirle e guarda in aria.
Inoltre dottore sono ancora preoccupato per l'aspetto motorio: e' ancora insicura sopratutto sul salire e scendere le scale: sembra non capire come alternare i piedi.
Ormai non sappiamo piu cosa fare , siamo confusi. Abbiamo deciso, che dopo che mia moglie ha partorito, di prenotare un ricovero per un controllo generale per capire almeno se ci sono ostacoli patologici (come e' nel suo modo di lavorare).
Dentro di me spero che il ritardo(se si tratta di questo e non di spettro) si recuperi e che sia stato provocato da una sofferenza alla nascita e da un ANNO un po travagliato per la nostra famiglia. Ma nessuno, tranne lei dottore, ha mai preso in considerazioni questi aspetti.
Cosa Vuol dire questa diagnosi fatta da un NPI privato: " disturbo pervasivo dello sviluppo n.a.s in paziente con sospetto lieve ritardo dello sviluppo psicomotorio"?? Cosa devo pensare che mia figlia abbia quello piu' quello. non so... forse sono io che sono troppo in confusione. per concludere poi il medico dell'ASL dopo la lettura della suddetta valutazione mi ha detto: " non state a sentire chi vi promette miracoli, ma sono sicuro che tra 6 mesi vostra figlia sara' cambiata da cosi' a cosi'.... Ormai vivo aggrappandomi alle parole.
Non capisco ma lo spettro e' da considerarsi Autismo. perche' mia figlia Autistica non lo e', Almeno credo. Lei e' affettuosa sopratutto con la mamma.
Grazie anticipatamente per il vostro apporto umano che mi sta facendo andare avanti e la prego di rispondere , se lo gradisce, in modo piu' crudo e possibile.

Ci sono tante 'diagnosi'

Ci sono tante 'diagnosi' possibili nei bambini che presentano un ritardo: 'il ritardo del linguaggio', che dopo i tre anni diventa 'disturbo del linguaggio'; il 'ritardo psicomotorio', che dopo i quatto-cinque anni può diventare 'ritardo mentale', ma in cui di solito ci sono cause mediche evidenti; oppure il 'disturbo di apprendimento', senza cause evidenti; l'iperattività , cioè il cosiddetto ADHD (disturbo dell'attenzione con iperattività); e così via.
Tutti questi 'disturbi' ('disordini', in anglo-americano...) erano finora considerati molto più frequenti dell'autsmo, ma oggi - oggi è addirittura la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell'Autismo , ne parlano giornali e televisioni... - è molto più pubblicizzato l'autismo, che si 'vende' quindi sempre di più . A mio avviso è una vera e propria truffa, che sta scatenando un psicosi, come la profezia Maya della fine del mondo, che poi sembra essere passata con danni non superiori al normale...

Per cui il mio consiglio è di cercare di non farsi prendere dalla psicosi e di cercare di vedere le cose con i propri occhi e di pensare con la propria mente, tenendo nella 'giusta' considerazione il parere di specialisti vari e di maestre, educatrici e tecnici vari, cui bisogna aggiungere giornali televisioni e internet, tutti interessati a vendere la loro merce...

Grazie ancora Dottore

Cerchero di seguire quanto possibile i suoi preziosossimi consigli.
spero che il percorso che ci ritroveremo ad affrontare a breve possa giovare la bambina e farle riprendere uno sviluppo normale e che questo brutto sogno possa presto finire.
Non sappiamo cosa ci riserva il futuro ma dobbiamo rimboccrci le maniche e lottare per la nostra piccola che ora ha tanto bisogno di noi.
Cordiali Saluto un Papa' semrpe piu' spento.

Salve ancora dottore

sono ancora qui a disturbarla per un suo parere. Abbiamo iniziato il percorso psicoeducativo per nostra figlia che adesso ha 33 mesi. La bambina sta rispondendo bene alle terapie nel senso che appena arriviamo al centro lei chiede della terapista e appena la vede vuole andare con lei a giocare.
Credo di poter dire che la sua attenzione stia man mano crescendo e la vediamo che cerca di sforzarsi di piu' nel parlare: cerca anche di combinare 2 parole: es. "Vuo giocare bolle" oppure quando qualcosa non si accende lei esclama: " uhhh no funziona ".
Ha ancora ecolalia e sopratutto quando parla a volte sembra che guardi in aria spesso non guardandoci direttamente.
Le cose che piu' ci preoccuoano sono degli atteggiamenti (definiti dal centro ASL comportmanti disadattivi) che non capiamo se sono stereotipie o altro. Come gia' accennato in precedenza in altre lettere, F spesso e' come se avesse il bisogno di assentarsi dondolandosi a gambe aperte e guardando nel vuoto. Spesso lo fa accompagnandosi con una canzoncina ma se la distogliamo lei subito smette e facendo finta di rincorrerla lei scappa ridendo.
Un altro atteggiamento strano e' che spesso guarda figure o oggetti piccoli da vicino e sgranado gli occhi fa degli strani movimenti con le braccia come se volesse afferrare qiella figura, poi per bisogno, distoglie lo sguardo e guarda per un po nel vuoto ritornado poi subito a fissare l'oggetto in questione.Ci sembra come se fosse estremamente nervosa perche' quando fa queste cose si irrigidisce e si alza sulle punte.
Noi stiamo attuando delle strategie per evitare cio' ma a volte sembra che abbia bisogno di farlo.
Ritornando invece alle cose piu' positive, la bambina adesso usa abbastanza correttamente il SI e il NO, spesso domanda "cos'e' " toccando l'oggetto e guardandoci. A volte tocca un oggetto che conosce e da sola di ce: "cos'e' : e da sola si risponde : "la porta" -
La vediamo leggermente piu' interessata ai bambini anche se gioca solo a rincorrersi.
io mi sento di dire che lei c'e' con lo sguardo, e spesso maliziosa nel senso che quando sta facendo qualche marachella ci osserva per vedere il nostro eventuale divieto che sa che arrivera'.
La vedo ancora indietro col simbolico nel senso che a volte prende delle posate giocattoli e ci imbocca (sotto nostra richiesta) ma di sua iniziativa per esempio non imbocca una bambola.
Siamo ancora confusi ache se devo essere onesto al centro abbiamo visto bambini che forse soffrono di vero "autismo" : cioe' come dice lei completamente in un mondo tutto loro.
Nostra figlia non e' cosi' ma non e' nemmeno normale come gli altri bambini della sua eta'.
Volevo chiederel qualche consiglio su le suddette stereotipie che tra l'altro la sera si accentuano di piu' ma che le mostra di meno ma le mostra quando e' impegnata e stimolato (vedi seduta di terapia).
Ancora una volta la ringrazio anticipatamente per la sua pazienza e umanita'.

Il solo consiglio che mi

Il solo consiglio che mi sento di dare a questo punto è di non far patrlare a macchinetta la bambina, perchè non interessa avere un registratore che ripete domande e risposte, ma una persona che comunica i suoi pensieri e ascolta quelli degli altri. Per arrivare a questo bisogna parlare per comunicare, in modo spontaneo e vero, non per esercitare e ammaestrare la bambina. Anche i pappagalli e i merli possono imparare a dire parole e frasi umane, ma non per questo diventano persone. E l'importante è che un bambino diventi una persona, con tutti i pregi e difetti che può avere. E per questo è importante essere sinceri, naturali e spontanei, ovviamente con tutte le differenze fra persone adulte e persone 'in formazione', come sono i bambini.
E la dote più importante per essere genitori è resistere e andare avanti e sostenere il proprio fardello. Medici e logopediste e insegnanti ecc ecc cambiano, mentre i genitori restano
Cordialmente

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)