Crea sito

Bimbo selettivo, ansiosi e timoroso.

Buongiorno, volevo un parere su mio figlio di 3 anni e 1/2, bambino vivace, in salute, è alto 1 metro circa per 16,50 kg, non ha mai avuto problemi particolari di salute, l'ho allattato solo un mese e poi son passata all'artificiale, ho partorito naturalmente e tutto è andato per il meglio, parla bene da quando ha 2 anni, cammina da quando aveva 13 mesi, non ha mai voluto il ciucio, è passato al vasino a 30 mesi senza problemi, dorme da sempre nella sua cameretta e io l' ho cresciuto solo per i primi 5 mesi poi, causa lavoro, l'ho lasciato ai miei genitori (non è mai andato al nido) tutto il giorno finchè quest' anno non ha iniziato l'asilo.
Il bimbo, è molto selettivo sul cibo che mangia e fargli assaggiare qualcosa di nuovo è molto difficile se non impossibile...la sua dieta è abbastanza varia (biscotti, briokes, pane, crekers, pasta al pesto, al sugo e carbonare, bistecca ai ferri, agnello cucinato in un certo modo, sogliola cucinata in un certo modo, zucchine, yogurt, pizza, patatine, beve acqua e te' pesca e limone ) ma non troppo, perchè oltre a questi cibi si rifiuta categoricamente di assaggiarne altri.
Gli piace molto mangiare cio' che gli piace e ne mangia in abbondanza.
Tutto andava piu' o meno bene nonostante la selettività e quando ha iniziato l'asilo, durante l'ora del pasto lui non mangiava nulla (a parte il pane)...abbiam provato a negargli il cibo a casa per vedere se si sbloccava ma nulla di fatto..anzi..si è chiuso ancora di piu'...poi abbiam deciso di lasciarlo comunque in mensa ma con la promessa che a casa avrebbe mangiato se voleva e allora pian piano ha iniziato ad assaggiare e mangiare qualcosina all' asilo (e devo ammettere che sembrava che anche a casa si avvicinava a cibi nuovi con meno timore)...se non che, a causa di una semplice indigestione è stato molto male (vomito) per un paio di giorni e, terrorizzato da cio' si è "chiuso" nuovamente..rifiutando, oltre che il cibo all'asilo, anche certe cose che mangiava quotidianamente (forse a causa proprio del vomito).
A casa ormai si è ripreso del tutto sopratutto grazie alle vacanze di Natale ed al fatto che eravamo a casa tutti insieme nel relax piu' assoluto...addirittura son riuscita a fargli assaggiare cose nuove tra cui pasta con le vongole che ormai adora!!!
All'asilo, dietro consiglio delle maestre, non sta piu' andando a mangiare ma esce alle 12.00 e va dai nonni.
Le maestre speravano che cosi' gli "venisse voglia di tornare" ma a lui non gliene frega nulla..anzi...si raccomanda di non lasciarlo là (proprio perchè il fatto di stare là, di fronte a nuovi cibi, gli mette solo ansia)...e per quest'anno ho deciso che non lo lascerò ma cercherò di lavorare a casa rieducandolo, per quanto riesco, a mangiare.
Mi da l'impressione che abbia timore ad assaggiare le cose nuove perchè lui è sempre stato un po' timoroso dei confronti delle novità (ad esempio, visitare un posto nuovo, conoscere persone nuove ecc) e la cosa sta migliorando un po' grazie alla crescita ed un po' alla vita sociale che conduce all'asilo.
Ha paura a sporcarsi, ad esempio quando mangia o se si bagna con l'acqua, il piu' delle volte devo cambiarlo subito. E' abbastanza pignolo anche riguardo l'ordine in casa (non nei suoi giochi)...ad esempio..se vede un tappeto spostato lui lo deve sistemare (ma non in modo morboso)...di questo mi prendo tutte le responsabilità perchè sono molto pignolo per quanto riguarda ordine e pulizia.
Penso anche che sia un bimbo un po' ansioso e se fino a qualche tempo fa scaricava la sua ansia con pianti e urla (ad esempi quando gli si avvicinava un estraneo e ora in un posto nuovo) ora non smette piu' di parlare e la cosa risulta anche simpatica...
Le faccio l'esempio di alcuni episodi accaduti all'asilo...ad esempio...i primi giorni le maestre, versa metà mattina, invitavano i bambini ad andare in bagno...mio figlio senza che nessuno lo costringesse a far nulla esplodeva in un pianto disperato finchè, un giorno, le maestre mi han chiesto spiegazioni in merito ed io, capendo il disagio rispetto a questa novità che per lui era andare in un bagno in cui non era mai stato e senza nessuno che conosceva, ho pensato bene di portarcelo personalmente la mattina dopo (ho evitato di fargli fare pipì a casa)..e il problema si è subito risolto perchè lui ha capito che non c'era nulla di cui aver paura...le posso elencare altri episodi simili ma che le maestre, ormai conoscendo il soggetto, son riuscite a risolvere.
Ora, sempre dietro consiglio delle maestre l' abbiamo inscritto ad un corso di psicomotricità e abbiamo chiesto un consulto psicomotorio (per nostra scelta) individuale per capire cosa possiamo fare per aiutarlo ad inserirsi per il meglio nel contesto sociale come l'asilo.
Volevo sapere se secondo lei, nella mia descrizione, nota qualcosa di strano nei comportamenti di mio figlio.

QUESTIONARIO SULLO SVILUPPO PSICOMOTORIO SIMBOLICO-LINGUISTICO E RELAZIONALE

problemi in gravidanza.............MINACCIA PARTO PRETERMINE MA POI TUTTO E' ANDATO BENE
nascita 14/08/2010
a che settimana ………38.
Parto ( naturale, cesareo, difficoltà)……………NATURALE
alla nascita : peso, altezza, circonferenza cranica 3,370 KF / 51 cm
(eventuali curve di accrescimento epoche successive)……...SEMPRE AL LIMITE MASSIMO DELLA NORMA
indice di Apgar ……9./ 10……….. durata del ricovero in ospedale……3 GIORNI..
Primi mesi
allattamento: materno ……. artificiale ………MATERNO E ARTIFICALE
svezzamento a che età …5 MESI…… facile ... difficile ....ABBASTANZA FACILE
ritmo sonno veglia, orari DORMIVA TUTTA LA NOTTE MA SI SVEGLIAVA ALLE 5 DI MATTINA
eventuali difficoltà....NESSUNA
persone che lo accudivano NONNI MATERNI
epoca successiva
alimentazione..NON ECCESSIVAMENTE VARIA PERCHE' HA TARDATO AD IMPARARE A MASTICARE BENE, sonno ..REGOLARE., orari e modalità (dove dorme, come si addormenta, ecc) DORME NEL SUO LETTO E SI ADDORMENTA COCCOLANDOLO
abitudini ( ciuccio, biberon, orsacchiotto, copertina, ecc) .....NESSUNA ABITUDINE
sviluppo psico-motorio:
seduto da solo a che età .....6 MESI
primi passi da solo........13 MESI
capacità motorie attuali....CORRE, FA LE SCALE (COME UN RAZZO) SALTA, SI ARRAMPICA ECC..
controllo sfinterico (pipì e popò) a che età.....30 MESI SUL VASINO SENZA PROBLEMI
interesse e curiosità verso le persone ..................MOLTO TIMOROSO (PIANTO DISPERATO CON PERSONE NUOVE) LA SITUAZIONE E' MOLTO MIGLAIRAT..ORA E' SOLO UN PO' TIMIDO MA QUANDO PRENDE CONFIDENZA NON HA PIU' PROBLEMI
reazione di fronte a persone e ambienti nuovi....TIMORE
figure principali cui è attaccato............NONNI MATERNI
reazioni alla separazione dai genitori................NON ECCESSIVAMENTE TRAGICHE..HA SENSITO IL GROSSO DISTACCO QUANDO E' INIZIATO L'ASILO
rapporto con le persone, adulti ...... bambini.....TIMOROSO, SI AMBIENTA LENTAMENTE
comprensione delle cose e delle richieste COMPRENDE BENE.. A VOLTE CHIEDE DI RIPETERE...
comunicazione dei suoi bisogni e desideri LI COMUNICA MA SE NON RIESCE A FARSI CAPIRE SI ARRABBIAMO MOLTO.
sviluppo simbolico
linguaggio: MOLTO BUONO
prime parole......NO, ACCA, KAPPA (giocavamo ad un gioco con delle lettere), SEM SEM (un cartone che guardava) a 23 MESI
due parole insieme ...A 25 MESI
uso del no e del sì ....A 20 MESI GIA' SAPEVA IL SENSO DEL "NO"
frase minima (verbo e sostantivo ).... 25 MESI
interesse e curiosità per gli oggetti
uso dei giochi ( gioco funzionale ....imitativo .....rappresentativo )GIOCA CON LE MACCHININE CREANDO SITUAZIONE COME INCIDENTI ECC, GLI APICE FAR FINTA DI CUCINARE, APPARECCHIARE ECC E DAR DA AMNAGIRE AI PELUCHES, GLI APICCIONO I GIOCHI MANUALI TIPO SUSARE IL RTAPANO CACCIAVITE ECC, GLI APICE COLORARE.
disegno spontaneo
scarabocchio , linee, cerchi... omino-testone ... figure, casetta, ecc SCARABOCCHI E OGNI TANTO FACCE CON OCCHI
attenzione nelle varie attività e interessi: breve ... lunga ....
comportamento
(iperattivo, capriccioso, tranquillo, ecc), A VOLTE CAPRICCIOSO
adesione a regole, orari, limiti,NON SEMPRE
obbedienza agli adulti .....NON SEMPRE
reazione a divieti ....SI ARRABBIA E FA CIO' CHE GLI E' STATO VIETATO COME PER SFIDARCI (METRE ALLA'SILO E' PIU' TIMOROSO NEI CONFRONTI DELLE MAESTRE)
capricci, bizze
paure, fissazioni.... GIA' DESCRITTO SOPRA. TUTTI E 4 I COMPORTAMENTI FANNO PARTE DI LUI.
scolarizzazione
asilo nido …MAI…. A che età ……………. Reazioni eventuali ………….
Scuola materna ……3 ANNI 1/2…….. eventuali difficoltà di inserimento, ambientamento....VEDI SOPRA...
Successive scuole ..NESSUNA.. apprendimento ........ comportamento .........
Rapporti sociali, amicizie, attività extrascolastiche......SOLO LA BIMBA DELLA NOSTRA VICINA DI CASA CHE HA 1 ANNO MA NON INTRAGISCONO MOLTO E LUI E' MOLTO POSSESSIVO SIA CON I SUOI (di ui) GIOCHI SIA CON I GIOCHI DI LEI
Composizione familiare ……IO, MIO MARITO E MIO FIGLIO.
altri conviventi (nonni, parenti, ecc) ……NESSUNO
Organizzazione familiare per l'accudimento (orari dei genitori, nonnni, baby sitter, ecc),...SVEGLIA 7.30 (MIO MARITO ESCE ALLE 7.00) COLAZIONE, PREPARAZIONE, LO PORTO ALLA'SILO E VADO IN UFICCIO FINO ALLE 18.30, NEL FRATTEMPO LUI STA DAI NONNI....
modalità educative (permissive, ferme, severe, variabili, orari di sonno, dove dorme, chi 'comanda',- nel senso di 'chi sta ai comandi' ecc .....).....VARIABILI DORME UN PAIO DI ORE AL POMERIGGIO E TUTTA LA NOTTE IL PIU' DELLE VOLTE NEL SUO LETTO SENZA PROBLEMI MA QUANDO E' MALATO LO FACCIO DORMIRE NEL LETTONE CON ME....,
Eventi particolari, cambiamenti, lutti, difficoltà, malattie di familiari, ecc....DAL 2011 SONO IN BALLO CON PROBLEMI DI SALUTE DI MIO PADRE (2 TUMORI) E MIA MADRE (GLAUCOMA)..E SOLO DA POCO POSSIAMO DIRE CHE E' TUTTO RISOLTO E/O SOTTOCONTROLLO MA CMQ SONO STATI ANNI DI ANSIA E PREOCCUPAZIONE TREMENDA SOPRATUTTO PER ME CHE SONO FIGLIA UNICA.
Visite mediche, ospedale, altro....NESSUNO
Eventuali esami fatti e referti (Udito, vista, eeg, rmn,...) TUTTO NELLA NORMA
Altre osservazioni ……….

Per favore non lo "rieduchi a

Per favore non lo "rieduchi a mangiare". Mangiare è una cosa spontanea, naturale, come l'andare al gabinetto e il dormire. I disturbi di queste aspetti derivano - quando non ci sono cause mediche intercorrenti - da problemi ambientali. E' su questi che bisogna concentrarsi.
Direi che quello del bimbo è una specie di 'sciopero della fame' contro qualcosa che non gli va troppo bene. La pignoleria per ordine e pulizia non è un aspetto positivo, e "se l'ha preso dalla mamma" andrebbe comunque cercato di diminuirlo, togliendo importanza a queste cose, se non per quanto necessario normalmente. Sono degli aspetti che evidenziano il bisogno di controllare le cose e evidentemente la paura che sfuggano al controllo se non si tengono a posto più o meno ossessivamente.
Anche lei vede che è un bambino un po' ansioso, e andrebbe cercato di trovare che cosa lo mette in ansia. In questa fase si può pensare all'asilo, che è una grossa novità a cui non si è ancora adattato. Magari le maestre sono un po' rigide negli aspetti per lui delicati, il mangiare e l'andare al gabinetto, e questo non l'ha aiutato. Inoltre forse può darsi che anche l'organizzazione ambientale non sia delle migliori: affidato ai nonni durante la giornata, non si nomina mai la figura paterna, c'è? Sicuramente poi i problemi di ansia e salute dei nonni, cui poi era affidato, possono aver inciso su una sua insicurezza.

Lo lascerei mangiare come vuole mettendogli solo regole indispensabili per il vivere comune. Lo rimanderei all'asilo anche a pranzo, lasciandolo libero di mangiare quello che vuole ( non si va all'asilo per mangiare...), chiedendo alle maestre di non fargli pressioni, ma di limitarsi ai limiti e alle regole sociali normali.
Se possibile dovrebbe aumentare la presenza dei genitori, in modo da fargli verificare che la 'barca-famiglia' è stabile e i piloti sono ai loro posti e guidano bene la barca. Forse si è preoccupato proprio di questo...

Cordialmente
drGBenedetti

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)