Crea sito

Bambino di 11 anni e esami metabolici

Buongiorno le scrivo ancora, dopo molto per avere delle risposte in merito ad esami fatti da mio figlio di recente:
lorenzo ha 11 anni, ritardo generalizzato dello sviluppo con maggior compromissione del linguaggio, crisi epilettiche centro temporali sx dal giugno 2010, il bambino è stato sottoposto a RMN in sedazione che non ha rilevato reperti di significato patologico;
aminoacidi plasmatici:
treonina valore 157 ( valore di riferimento 33-131)
serina valore 183 (valore di riferimento 79-172)
asparagina valore 81 (valore di r(valore di riferimento 85-176)
glutamina valore 797 (valore di riferimento 457-662)
idrossipolina valore 50 (valore di riferimento 3-36)
prolina valore 397 (valore di riferimento 51-209)
glicina valore 536 (valore di riferimento 56-308)
alanina valore 723 (valore di riferimento 99-313)
Ac.alfa-amini-n-butirrico valore 45 (valore di riferimento 8-36)
leucina valore 140 (valore di riferimento 75-107)
lisina valore 224 (valore di riferimento 45-151)

il bambino è in cura da quasi un anno con depakin chrono cp 300mg

può questo farmaco in così poco tempo aver aumentato la concentrazione di numerosi aminoacidi?
o questi valori esprimono una condizione intercorrente d'iperlattacidemia?
grazie e scusi per il disturbo
spero in una sua risposta

Gentile signora, il reperto

Gentile signora, il reperto segnalato di aumento di svariati aminoacidi sembra poco significativo, forse legato al Depakin o alla dieta, andrebbe eventualmente ricontrollato a distanza, magari dopo un periodo di alimentazione controllata (da chiedere al laboratorio). Acido lattico/piruvico alterati non so quanto possano essere coinvolti nella situazione, di solito sono in causa in quadri clinici più gravi e precoci.
La diagnosi resterà probabilmente misteriosa, come spesso succede, nel dubbio fra lesioni subliminari acquisite in gravidanza parto o primi mesi, ma di cui non ci sono segni evidenti nella storia, o alterazioni genetiche, magari sporadiche, cioè senza precedenti familiari.
Rinvio quindi alla mia risposta precedente per cercare di favorire esperienze utili per lo sviluppo, specie sul piano relazionale e sociale ed evitare od affrontare opportunamente gli ostacoli. Probabilmente la frustrazione per le difficoltà scolastiche e cognitive (anche nei giochi elettronici) gioca la sua parte. Andrebbe nel tempo trovato un campo di attività gratificante e di suo interesse, anche per la scelta scolastica futura. C'è comunque ancota tempo.
Cordialmente
drGBenedetti

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)