Crea sito

Richiesta di visita

Gentilissimo Dott. Gianmaria Benedetti,

Buonasera,

Sono la mamma di un bimbo che compierà 22 mesi ... fra poco.
A. ancora non parla, prende il latte della mamma qualche volta durante il giorno, per addormentarsi e la notte si sveglia due, tre volte per prendere appunto il latte. Ma questo non è il nostro principale problema.

Martedì scorso siamo stati dalla pediatra per un controllo di routine.

Già dal ... il precedente controllo ( bilancio di crescita), la dottoressa ha notato che il bimbo non la guardava negli occhi, non riusciva a stabilire contatto con lui perché piangeva guardando fuori dalla finestra, insomma, guardava altrove, tutto tranne la dottoressa, premetto che ha sempre pianto durante le visite pediatriche...
Lei, allora, ci ha fatto delle domande sul suo comportamento, se si spaventava a contatto con gli altri bambini, se faceva lo stesso gioco ripetutamente... Qualche volta lui gira le ruote delle macchinine, ma le fa anche correre, non si spaventa con gli altri bimbi ma neanche gli interessano più di tanto... Punta su quello che hanno in mano ma non gli guarda sul viso, molto difficile che lo faccia, si diverte al vederli sul' altalena o a correre, ride e salta sul posto eccitato.

Finita la visita, che lo ha stressato moltissimo, la pediatra ci ha detto di osservarlo, se ci guardava negli occhi o no e di tornare dopo 4 mesi per vedere se le cose erano cambiate.

Siamo tornati dalla dottoressa quindi il ...: stesso comportamento nei suoi confronti, niente sguardo ma stavolta niente pianto, voleva toccare tutte le cose in giro, dal telefono ai giochi dello scaffale, si è messo sotto al lettino per osservare la struttura sotto, faceva dei movimenti ripetuti sulla tastiera del telefono... La pediatra allora, ha fatto il famoso quiz delle domande, che noi avevamo già fatto su internet, le risposte erano 50% positive e 50% negative... Da questo lei ha "diagnosticato" ( non so se si può fare una diagnosi con un' osservazione di 20 minuti o poco più )" ritardo del linguaggio e sospetto spettro autistico" consigliandoci di farlo visitare da un neuropsichiatra infantile.
Le abbiamo detto che a casa lui non è così...Che ride al gioco del cucù, che ci prende per mano e ci porta dove vuole, facendo capire ciò che vuole, ama guardare i libri, le figure, la tv, gioca con l' iPad montando puzzles di animali e di forme geometriche, "colorando" con il dito. Riconosce quando diciamo una frase di un libro, lui guarda lo scaffale e se è alla sua portata va la, lo prende e ce lo fa leggere. Si diverte quando gli cantiamo canzoncine come la bella lavanderina e altre... Lei però ci ha consigliato, parole sue, per quello che vedeva lì, per come si comportava... Era meglio fare una valutazione approfondita.

Ecco perché La stiamo disturbando oggi dottore, vorremmo - io e mio compagno- sapere se Lei ci potrebbe ricevere per un consulto, una visita diretta.

Le darò il maggior numero di informazioni possibile rispondendo al suo questionario sperando che Lei ci possa aiutare. Così nel giorno della visita, se sarà possibile farla, lei sarà già al corrente di certe informazioni. Se le serve altro, ce lo dica per cortesia, vorremmo aiutare il nostro bambino, capire cosa lo blocca, dove stiamo sbagliando...

QUESTIONARIO SULLO SVILUPPO PSICOMOTORIO SIMBOLICO-LINGUISTICO E RELAZIONALE
Può essere utile per la richiesta di consulto su bambini piccoli ( sviluppo psicomotorio, linguaggio, comportamento, relazionalità, problemi scolastici, ecc), dopo aver illustrato i motivi della richiesta, allegare le seguenti informazioni, rispondendo se possibile a tutte le domande:

Problemi in gravidanza: durante l'ecografia morfologica, sono stati riscontrati ..., abbiamo fatto tutte le analisi necessarie per escludere toxoplasmo e citomegalovirus, tutte negative, ci è stata proposta l' amniocentesi ma non l' abbiamo voluto fare. Abbiamo aspettato la
nascita.
a che settimana 36 + 5 ( tre settimane prima di finire il tempo)
Parto ( normale, cesareo, difficoltà) parto spontaneo, durato 10 minuti, avevo fatto il tacciato il pomeriggio alle 18:00, sentivo dei dolore alla schiena, il medico ha detto che dal tracciato non vedeva condizioni per il Travaglio e mi ha mandato a casa, i dolori aumentavano e ho sofferto per un ora e mezza... Arrivato mio marito, corriamo all' ospedale e Riccardo nasce alle 21:05

alla nascita : peso, altezza, circonferenza cranica: kg 3.140,00 cm 49 cc 33

(eventuali curve di accrescimento epoche successive): sempre stato tra i 95/97 per peso e altezza e per cc sempre tra i 50/75

durata del ricovero in H 96 ( ha avuto ittero, gli è arrivato a quasi 16)

Primi mesi
allattamento: materno fino a 6 mesi esclusivamente
difficoltà: le difficoltà iniziali;
Continuo ad allattarlo tutt'ora sempre che dimostra volere

sonno , orari e modalità (dove dorme, come si addormenta, ecc). Molte volte cullato sul passeggino e dopo spostato nel suo lettino accanto al nostro letto, quando si sveglia la notte lo mettiamo con noi sul lettone per allattarlo e si riaddormenta lì con noi;

alimentazione: mangia bene le verdure a pezzettini, carota, zucchina, pasta con sugo di verdure frullate, carne a pezzi con le manine da solo, per la minestra e asta ancora lo imbocchiamo noi.

abitudini ( ciuccio, biberon, orsacchiotto, copertina, ecc.) Da qualche settimana ha l’abitudine di “ciucciare” il cuscino quando si sta per addormentare ma dura poco, sono tre giorni che mette le due mani dentro la bocca ma secondo me stanno arrivando i secondi molari

sviluppo psico-motorio:
seduto da solo a che età 6 mesi e mezzo
primi passi : 12 mesi, mancavano 5 giorni ai suoi 13 mesi

capacità motorie: Sale e scende le scale dandomi una manina, cammina bene senza inciampare e corre, l' unica cosa e che ha il piedino destro che sembra lo pieghi un pochino dentro...
Scende dalle sedie e dai letti da solo, gioca con l'ipad usando tutte le due manine e dita per montare puzzle, gira le cose, macchine, tappi di barattoli, ecc. Prima lo faceva molto di piu adesso sembra che sta scomparendo tale mania, guarda la tv, forse un pochino troppo...

controllo sfinterico (pipì e popò): non abbiamo ancora iniziato

curiosità e interesse per le persone: guarda un estraneo solo se parla con lui in maniera particolare, tipo facendo festa o faccia buffa. Se la vicina del piano sopra lo chiama dalla finestra, la guarda e sorride, per lo più non mostra un grande interesse né per le persone che non conosce né per i bambini.

paura dell'estraneo: no... Ha paura qualche volta del verso della mucca e di qualche cartone in tv

figure principali cui è attaccato: mamma, papà

reazioni alla separazione: mamma e papà possono uscire e entrare che neanche se ne accorge. Però se mamma si nasconde e lo coinvolgiamo, corre a cercarla. Deve essere coinvolto però.

interesse e curiosità verso le persone
rapporto con mamma e papa affettuoso e indifferente con gli estranei, guarda il nonno paterno in una maniera particolare, come guarda solo a lui

reazione agli estranei e agli abienti nuovi: è attratto dagli ambienti nuovi sotto l' aspetto visivo ma difficilmente esplora tutte le cose, ne sceglie una. Con le persone, si portano occhiali o hanno berretti o cappelli si dimostra piu attratto.

sviluppo simbolico
uso dei giochi ( gioco funzionale: penso che sia presente imitativo: pochissimo rappresentativo: no )

disegno spontaneo (scarabocchio,; omino testone; casa ; figure) scarabocchia e qualche volta vuole che io disegni per lui e lui " colora" sopra con scarabocchi

sviluppo del linguaggio
prime parole : ha detto mamma una volta, tanti versetti ma null' altro

due parole insieme : no

uso del no e del sì : no

frase minima : no

comportamento
(iperattivo, capriccioso, tranquillo, ecc),: un po' capriccioso - quando usciamo per esempio, per rientrare è un problema perché vorrebbe star fuori, dopo un po' di pianti seduto per terra davanti alla porta, passa tutto e torna alla sua normalità: tranquillo.

interessi, attenzione) capriole sul letto, gioco del bubu sette - te,ride tantissimo, fare la lotta con la mamma sul tappeto, E’ attratto dai libri,vuole che indichiamo i nomi delle figure sui libri, se stiamo sul lavandino a lavare i piatti per esempio, viene da noi con un suo libro e se non facciamo ciò che vuole, butta il libro sulle nostre mani anche dentro il lavandino, però senza guardarci in viso. Ci guarda solo se lo ignoriamo - o facciamo finta di ignorarlo- prova a richiamare la nostra attenzione. Guarda i cartoni animati su sky, quando finisce una cosa che gli piaceva molto, piange, viene da noi, ci prende per mano e vuole che torniamo indietro per farglielo rivedere, ci da il telecomando in mano e qualche volta preme qualche tasto provando a tornare indietro... il papa qualche volta lo fa ma io gli dico che è finito e lo faccio distrarre da qualcosa altro
premi i pulsanti della sua fattoria parlante, qualche volta correttamente, premendo il pulsantino giusto, altre volte, preme sempre lo stesso..., animaletti di gomma, li mette in bocca, li morde. Ama quando papà gioca con la palla con lui, se va lontana, la prende e ce la porta ma se lo chiediamo di fare non lo fa fuori questo contesto. Ci guarda se diciamo un " guarda" e viene subito a vedere di cosa si tratta ma se lo chiamiamo per nome non si gira.

adesione a regole, orari, limiti, ubbidienza agli adulti : non abbiamo stabilito delle regole severe, ma se sente un " no!" lo capisce e smette di fare quello che stava a fare e che riteniamo scorretto, tipo andare al bidet per bere o toccare sotto l' armadio dove ci sono i prodotti per pulizia, ecc.

reazione a divieti : piange un po’ ( sopratutto per rientrare in casa dopo una passeggiata) ma poi si fa distrarre facilmente con un altro gioco.

capricci, bizze: Fuori, quando vuole andare in una direzione e vorrei portare a fare altro - per motivi di sicurezza non lo faccio avvicinare a ringhiere che mi sembrano poco sicure, si siede per terra e inarca la schiena al' indietro se proviamo ad alzarlo per mano e la soluzione e prenderlo in braccio...

scolarizzazione
asilo nido: no.

Scuola materna no eventuali difficoltà ............

Rapporti sociali, amicizie, attività extrascolastiche: poco, vede solo i bimbi al parco ma non ha un amico che vede spesso, neanche noi abbiamo una vita sociale attiva per motivi di lavoro

Composizione familiare mamma, papà e lui

altri conviventi (nonni, parenti, ecc) no

Organizzazione familiare (orari dei genitori, baby sitter, ecc), la mamma segue da casa, la parte contabile del' attività che abbiamo. Il papà sta praticamente fuori la mattina ora di pranzo e ora di cena, rientra a casa alle 15:30- 16:00 e riparte verso le 18:00 - 18:30, rientrando in orari variabili tarda sera, purtroppo abbiamo una attività che ci fa vivere poco la nostra famiglia, niente vacanze, vita sociale... Al pomeriggio quando c'è papa si esce tutti insieme ma non sempre, qualche volta papà vuole riposare perché stanco. Non ci sono baby sitter. Nonno e nonna ogni 15 giorni per una intera giornata... ma anche quando ci sono non è che siano tanto presenti...

modalità educative (permissive, ferme, severe, variabili, orari di sonno, dove dorme, chi comanda ) : siamo due genitori permissivi e forse anche troppo protettivi, qualche volta penso che lo trattiamo ancora come un bimbo piccolo ma lui è cresciuto! dorme con noi di sul lettone, praticamente... Comanda lui.

Eventi particolari, cambiamenti, lutti, difficoltà, malattie di familiari, ecc....: al' età di un anno e quattro mesi abbiamo traslocato da ... a ... per motivi di lavoro di mio compagno, che è finito per essere anche il mio lavoro adesso, la nonna quando eravamo a ... era molto presente e veniva a trovarlo anche tre quattro volte alla settimana. Adesso non più, ma non che lui fosse legatissimo a lei ma era una persona che vedeva spesso e adesso la cede poco. Io e mio compagno discutiamo spesso per motivi legati al' attività e qualche volte lui sicuramente avrà sentito qualcosa, cerchiamo di non farlo davanti a lui ma certe volte e inevitabile... Io sono ..., vivo in Italia ormai sono tre anni e mezzo, parlo con il bimbo pero in italiano ma lui sente anche al telefono quando chiamo la mia mamma e/ o mia sorella in ... e anche quando parlo con qualche amica che abita qui vicino casa. Qualche volta mi scappa una frase nella mia lingua materna.... Ma parlo piu l'italiano con lui. Non so se questo costituisce una problematica per il suo ritardo del linguaggio.

La ringrazio tantissimo dottore per qualsiasi tipo di " luce " che lei ci possa dare e attendiamo una sua risposta sulla disponibilità per una visita diretta.

Complimenti per il portale e per il brillante lavoro, ho letto molte cose, molti casi lì che si assomigliano al nostro, ma ogni bambino è diverso dal' altro...

Saluti cordiali

.... ( mamma)
... (papà )

P.S.: mi scuso se forse non sono stata molto chiara, ho un po' di difficoltà ad esprimermi nella vostra lingua e in più sono un po' agitata e nervosa, mio compagno dice sempre che il problema è più in me che nel bimbo... Anche lui però adesso è convinto che c' è qualcosa che non va. Vorremmo fare tutto il possibile perché il nostro figlio possa imparare bene e crescere. Grazie ancora.

Innanzitutto complimenti per

Innanzitutto complimenti per il suo italiano! fino alla fine non mi ero accorto che lei non è una 'nativa'.
Quanto alla lingua madre, io di solito sono favorevole a che la mamma parli col suo bambino nella sua lingua, per favorire al massimo la spontaneità e la comunicazione. Le direi di non aver paura di parlargli nella sua lingua! Non è quello il problema. I bambini bilingui a volte hanno qualche ritardo, nell'imparare le due lingue contemporaneamente, ma solitamente il ritardo si risolve e il vantaggio di sapere due lingue è grande.
Anche se non l'ha usata con il bambino, può darsi che comunque un certo bilinguismo possa considerarsi presente e in causa per il ritardo del linguaggio, così come forse certi aspetti ambientali, il trasloco, gli scarsi contatti sociali, ecc. Alcuni aspetti descritti del bambino sono in effetti un po' particolari, altri invece mostrano buone capacità, per cui mi sembra non ci sia da drammatizzare le cose, anche se essere prudenti è utile.
Probabilmente alcune abitudini che si mantengono ( allattamento 'conso
latorio' quando vuole, e in generale il 'comandare lui'...) rallentano lo sviluppo, quindi dovreste decidervi a lasciarlo crescere.
Nessun problema per una visita.
Cordialmente
drGBenedetti

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)