Crea sito

Psicoterapia

Uno studente di venticinque anni pone alcune questioni importanti: da qualche tempo soffre di ansia e come di un blocco emotivo di fronte a un momento importante. E' già stato in psicoterapia, per problemi simili e ora forse una situazione di stress eccessivo la ha precipitato di nuovo in crisi.
Lo psicoterapeuta del passato lo riprenderebbe in terapia, ma il paziente è incerto: ricorda sentimenti e stati d'animo sgradevoli, in terapia , che gli accentuavano i sensi di colpa. Si chiede che fare, forse i sentimenti negativi sono una specie di tassa inevitabile da pagare?

Sono diverse le questioni

Sono diverse le questioni poste da questa richiesta:
1-quella del ripresentarsi di sintomi già trattati e apparentemente passati (ansia e blocco emotivo di fronte a momenti di vita particolarmente stressanti)
2- i dubbi se tornare dallo stesso terapeuta che una prima volta fece un intervento efficace ( è riuscito a 'sbloccarsi' con lui...)
3- i sentimenti ostili verso il terapeuta (non fidarsi, reagire negativamente al riconoscere dei 'problemi', con senso di colpa e condizionamento dei rapporti, antipatia)
4-Il paziente si domanda, opportunamente, se questo suo stato d'animo sia una 'tassa' da pagare, o se sia segno che è meglio cambiare terapeuta.

Darò il mio parere.
1-Al primo punto risponderei descrivendo brevemente la concezione della psicoterapia che mi si è progressivamente affacciata alla mente, e che è connessa con il concetto che la vita è sviluppo ed evoluzione, dall'inizio alla fine. Non è un percorso lineare e pianeggiante, ma pieno di curve e di salite e discese. Per esprimersi con un paragone ciclistico, ci sono salite in cui il ciclista non ce la fa e può essergli utile una 'spinta'; poi magari c'è un falsopiano o una discesa e il ciclista va da solo. A una salita successiva può darsi che abbia la rincorsa sufficiente a farcela, ma magari a un'altra si ritrova in difficoltà. Una nuova spinta, più o meno lunga, più aiutarlo anche in questa occasione. Dipenderà dalla strada il seguito della corsa, e anche dalla costituzione fisica e dell'allenamento del ciclista. Alcune di queste 'salite' del ciclo vitale sono naturali e prevedibili: l'ingresso alla scuola, l'adolescenza, la nascita dei figli, la mezza età, il pensionamento, ecc. Altre sono occasionali e imprevedibili come certi eventi esterni traumatici.
Una serie di 'spinte' (eguale periodi di psicoterapia) possono aiutare a fare un lungo percorso, talvolta, importante è poterle avere.
2-il secondo punto segue dal precedente: l'avere avuto una spinta efficace la prima volta può essere un segno prognostico positivo per un secondo intervento, e non un segno negativo perchè il problema si ripresenta e non è stato 'risolto'. Quasi mai parliamo di risolvere: ci accontentiamo spesso di affrontare e continuare la strada senza esserne impediti.
3-il terzo punto (i sentimenti ostili verso il terapeuta, forse meglio dire 'ambivalenti') tocca un tema delicato: come per un altro intervento sanitario, il risultato dovrebbe contare più della simpatia ( a un chirurgo si chiede che operi bene, non che sia simpatico...), ma qui l'antipatia potrebbe indurre il paziente a 'remare contro' e a disturbare i possibili buoni effetti del lavoro psicoterapico. E' questo un tema (specie quello della colpa, ma anche gli altri...) da affrontare col terapeuta stesso, anche se non è detto che sia necessario (e possibile) 'risolverlo': l'importante, a mio parere, è superare la salita (fase stressante) e andare avanti. Meglio se i sentimenti migliorano, ma "non si può avere tutto"... nessuno è perfetto.
4- e con questo veniamo anche al quarto punto, se questi sentimenti e disagi siano quasi obbligatori, un dazio da pagare nella psicoterapia. Credo di sì, anche se è diverso da persona a persona. Tutti vorrebbero che a spingerci e salvarci al momento opportuno fossero un principe azzurro o una fata turchina dolce e gentile, ma questo forse sta solo nelle fiabe o nei nostri sogni ad occhi aperti, e fa parte di una sfera infantile che bene o male tutti ci portiamo dietro. Le psicoterapia, in particolare quelle psicoanalitiche, rappresentano anche momenti in cui ci si separa dalle illusioni infantili e da abitudini inveterate, a volte con fatica, e i sentimenti connessi non sono semplici, proprio come da bambini si deve rinunciare al seno materno, al ciuccio, o si deve andare all'asilo: sono tutti momenti di crescita, ma in quel momento il genitore appare 'cattivo' al bambino, e incomprensibili i motivi per cui lo fa star male...
La psicoterapia quindi può essere un'esperienza sgradevole, a volte anche dolorosa, ma spesso solo in determinati periodi. Questo perchè ogni crescita, ogni sviluppo ha sia le sue gratificazioni che le sue difficoltà e talvolta superare certi ostacoli è faticoso e anche doloroso. Diventare adulti, maturi, non significa raggiungere la felicità, che è forse appunto un obiettivo infantile, mitico come il giardino dell'Eden, ma raggiungere la capacità di sopportare le difficoltà e resistere alle avversìe, continuando nello sviluppo. Poi magari, qualche attimo di felicità può anche scapparci...

Vedi anche: indirizzi e scuole di psicoterapia

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)