Crea sito

Sospetto spettro.autistico

Gentile Dott.Benedetti,
Le scrivo perché mi trovo a vivere da un paio di mesi in un tunnel.
Ho un bimbo di 20 mesi dolcissimo e affettuoso.
Il mio problema comincia circa due mesi fa quando da una visita di routine dal pediatra viene fuori che il bimbo ancora non indica con il dito, ma con la mano e che non si gira quando chiamato.
Il medico ci consiglia una visita audiometrica, sebbene già alla nascita il bimbo non avesse riportato alcun problema.
Dalla visita specialistica non si evidenziano difetti uditivi, ma il medico prova a chiamare mio figlio e ad attirare la sua attenzione sbattendo una penna sul tavolo.
Il bimbo, intento a gioca e con una macchinina e molto stanco, non risponde...dopo un po' si gira e prende la penna.
E da qui comincia il mio tunnel; il medico specialista ci consiglia una visita neuropsichiatrica, ci rivolgiamo al Dott.Trapolino dell'Ospedale dei bambini di palermo dietro consiglio di amici con sorte comune.
Aspettando questa visita vivo nell'angoscia perché mentalmente ripercorro l'iter di crescita del bambino e di seguito le elenco le caratteristiche principali.
Mio figlio è un bimbo affettuoso è dolce, fino ai 12 mesi ha seguito tutte le fasi dello sviluppo ordinario, soltanto lo sguardo era sfuggente, nel senso che non fissava mai negli occhi.
Poi ha cominciato a guardarci, a sorridere e ridere di gusto se stimolato con giochini tipo cucù.
Ha camminato a 14 mesi, prima gattonava, non ha mai ballato sentendo la musica, ma ne è fortemente attratto,( questa del ballo è una delle mancanza di cui il pediatra ancora adesso si stranisce).
Come detto adesso il bimbo ha 20 mesi, corre, cammina, gioca nascondino a cucù e ad acchiapparello...cosa che ama fare sia inseguendo che essendo inseguito.
Con i suoi coetanei interagisce, li spinge affinché corrano per poterli inseguire a volte li abbraccia, gioca con la palla, non va oltre come condivisione di gioco.
Fino a qualche giorno fa era molto fissato con le macchinine, che faceva scorrere da seduto finché non sparivano dietro la schiena.
Ne era molto geloso e voleva per se anche quelle del cuginetto.
Da qualche settimana pronunci mammama e "pappapa a volte lo fa consapevolmente guardandomi negli occhi, altre volte girovaga per casa e cantilena queste parole.
Da due giorni va al nido, per adesso fa solo l'inserimento, rimane senza problemi, ne crisi di sorta, quando lo riprendo e mi vede mi corre incontro felice e mi salta al collo.( Ho notato che proprio in questi due giorni una volta a casa pretende di essere preso in braccio molto più spesso).
Il contatto oculare è presente e da quando abbiamo smesso di chiamarlo con nomignoli diversi si gira quasi sempre se non impegnato in altro e viene anche da una stanza all'altra.
Gli piacciono smartphone e tablet e appena li vede vuole attivato alcuni giochi educativi...il suo preferito è un pianoforte che emette suoni e versi di animali.
Mangia di tutto, assaggia un po' a forza, poi gradisce e mangia senza problemi...anche da solo alcuni alimenti,  cob le mani e anche con le posate.
Dorme bene e spesso si addormenta nella sua cameretta con il carillon- proiettore acceso.
Adesso veniamo alle note dolenti, parla poco, pochissimo praticamente solo le due parole sopra elencate, non balla, non indica con il dito, ma con la mano, ha una sorta di stereotipia che lo fa andare avanti e indietro fissando un oggetto e seguendolo anche con la coda dell'occhio, è fortemente attratto auto, moto e bici, quando passano lee segue fino all'orizzonte.
Non fa alcun verso di animale, né anche se stimolato, mi porge un oggetto solo se gli allungò la mano, al comando vocale non sempre reagisce, capisce bene il "no" e protesta calorosamente...a volte per rabbia tira gli oggetti a terra e poi ci guarda in attesa di una reazione, in ogni caso non ha crisi di pianto eccessivamente lunghe.
Ora detto tutto ciò alla visita neuropsichiatrica il dott.Trapolino ci indirizza verso un consulto logopedico e psicomotorio, in quanto il bimbo ha dei tratti che rientrano nello spettro autistico, ma potrebbe verosimilmente trattarsi di un ritardo specifico e  del linguaggio.
Il mio sconforto a queste parole è stato grande, sapevo che il mio bimbo aveva qualche problema ma l'autismo??proprio no.
Adesso siamo in attesa delle altre due visite specialistiche e sono nel panico più profondo.
La notte non dormo e immagino scenari da incubo.
Vorrei da Lei un parere sulla base di quanto scritto, perché davvero non ritrovo in mio figlio tratti autistici canonici.
Dimenticavo di dirLe che la maestra mi riferisce che socializza poco, ma oggi per esempio ricorreva un bimbo e poi lo ha abbracciato, quando sono andata a prenderlo l'ho trovato a terra( aveva sonno) con tutti gli altri bimbi intorno a lui, non era ne spaventato né a disagio.

Per venti mesi suo figlio mi

Per venti mesi suo figlio mi sembra ampiamente nei limiti della norma.
Io vi direi solo: vediamo come va nei prossimi mesi, e badate a rapportarvi con lui in maniera spontanea e naturale, come una piccola persona in crescita.

La jattura è la psicosi dell'autismo che prende tutti e la paura di molti di assumersi responsabilità da soli, per cui si fanno fare 'visite specialistiche' ( una volta erano considerati 'specialisti' i medici con specializzazioni, ora tutti sono specialisti, anche non medici, anche se hanno solo tre anni di formazione universitaria e nient'altro: già, dimenticavo, si parla di 'laurea specialistica' per i due anni successivi...). L'effetto comunque è di moltiplicare visite inutili e ansie inutili.
Anche il pediatra invece che vedere e valutare l'intero sviluppo del bambino si è limitato a rilevare spunti isolati di nessuna importanza in sè ( non indica con il dito, non risponde), acriticamente, e vi ha messo nel tunnel. Credo che anche questa sia malasanità, anche se le loro spalle sono parate delle 'linee guida' che dicono di fare così....
Mi spiace per voi.

Datemi notizie fra un paio di mesi, aggiungendo anche il 'questionario' e se volete inviatemi anche dei video, come da istruzioni nella colonna qui a sinistra.

Cordialmente

Buongiorno

Buongiorno Dott.Benefetti,
Intanto la ringrazio per la solerte risposta.
La aggiorno sul consulto con la logopedista, appena entrati il bimbo era intimorito e si è rivolto verso la porta chiusa, in seguito ha cominciato ad esaminare lo spazio.
Poi ha giocato con la logopedista con le formine ad incastro, con le bolle di sapone e con dei pupazzetti a molla.
Quando lo ha chiamato per nome si è subito girato.
A fine seduta la logopedista ha detto che il bimbo sembra leggermente disprassico e che le guanciotte tonde indicano un poca abitudine alla comunicazione.
Ha voluto vedere un video del pasto per capire com'è la masticazione...ma non ha detto nulla a riguardo.
Ci ha infine rimandato ad un consulto psicomotorio.
Siamo in attesa di appuntamento.
La terrò informata e Le invierò appena possibile in video con quella stereotipia di cui le accennavo precedentemente.
Intanto grazie ancora.

Aggiornamento

Buongiorno Dott.Benedetti,
Le scrivo nuovamente per aggiornarLa sugli sviluppi del caso di mio figlio.
Siamo ancora in attesa di un appuntamento per la psicomotricita' ( a quanto pare questi "specislisti" hanno le agende intasate peggio di un idraulico).
In attesa di suddetto appuntamento abbiamo voluto sentire un secondo parere da un'altro neuropsichiatra infantile.
Ebbene alla visita era presente anche una logopedista la quale dopo circa 15 minuti di osservazione in accordo con il medico conclude che: "forse c'é qualche problema, se c'é è qualcosa di talmente lieve che può tranquillamente rientrare....(!!!??) In ogni caso è da fare subito la psicomotricita'".
Ora davvero io sono allibita, il bimbo è piccolo e nessuno, giustamente, vuole sbilanciarsi, ma tutti concordano che la psicomotricita' serva, a fare che se non hanno idea dell'effettiva presenza o meno di un problema??
Sentendo da più genitori che le risposte sono standard a prescindere dal bimbo mi sono sempre più convinta che la panacea di tutti i mali è la psicomotricita'.
Tutti i bimbi ormai devono fare delle sedute anche solo se non sono in grado di soffiarsi il naso.
Lo trovo ridicolo, piuttosto che rimandare all'osservazione fra qualche mese ti sbattono in faccia l'assoluta necessità d'intervento per correggere qualcosa di cui non hanno nemmeno una vaga idea di diagnosi.
Per non parlare del questionario standard e obsoleto che ti mollano tutti i logopedisti...vecchio tra l'altro di 30 anni.
Il bimbo intanto continua frequentare il nido, è vispo,interagisce e adesso che sono più smaliziata rispetto a questi "metodi" di non-diagnosi e terrorismo psicologico lo guardo con l'indulgenza e la comprensione che avrei dovuto avere sin da quando mi è stato instillato il primo dubbio.
Una volta i comportamenti un po' bizzarri di un bimbo erano giustificati proprio perché si trattava di un bimbo, adesso vogliamo tutti , ed io per prima, figli super performanti, in linea con le linee di sviluppo indicate dal ministero e l'individualità del bambino va a farsi friggere.
Mi scuso per questo papiro,lo prenda come uno sfogo di una madre esasperata che sta tornando in se.
Grazie per la Sua pazienza.

Condivido le cose che scrive.

Condivido le cose che scrive. Continui a tenere gli occhi e la mente aperti. Ci aggiorni fra qualche tempo.
Cordialmente

aggiornamenti

Gentile Dott. benedetti,
ritorno al forum per darLe nuovi aggiornamenti sul mio piccolo che adesso ha 28 mesi.
Il bimbo è sotto valutazione dell'aiuto materno della mia città da circa tre mesi, ha fatto l'ennesima visita neuropsichiatrica del tutto superflua e due sedute di valutazione con psicomotricista, psicologa e siamo in attesa del consulto con la logopedista.
In questi mesi il bimbo si è molto sbloccato, adesso indica, balla con la musica, gioca con giocattoli adeguati alla sua età, ha sviluppato un particolare interesse per il disegno, spesso riproduce la mamma, il papà e se stesso con il tipico omino testone.
Cerca di ritrarre anche gli animali e quando ha finito mi mostra il disegno emettendone il verso per farmi capire meglio.
Ormai riconosce ed imita qualsiasi animale, usa mamma e papà contestualmente ed ha aggiunto al suo vocabolario nonno, nonna, zio, zia, dadi ( il cuginetto Alberto), cappe ( scarpe), pappa, cacca, plapa ( acqua), ia ia ho(fattoria), plupo ( ciuccio) e altre parole che ancora non comprendo perfettamente.
A domanda come ti chiami risponde correttamente con nome e cognome.
Se gli viene chiesto di dire una parola lo fa, con qualche storpiatura, ha un pallottoliere e spesso conta, a modo suo , le palline e le sposta da un lato all'altro man mano che il conteggio va avanti, riesco a distinguere bene UNO, TRE; SETTE e OTTO.
Anche con le lettere cerca di districarsi, vuole che sia io a dirle per prima e poi ripete.
Insomma dottore il bimbo progredisce, un pò lentamente , ma va avanti. purtroppo sono circondata da persone che continuano a fare paragoni con altri bimbi e questo a volte mi fa perdere la fiducia nelle capacità del mio piccolo.
Ad ogni modo oggi sono più fiduciosa che concedendogli i suoi tempi e collaborando con lui secondo le sue richieste ed esigenze faremo passi avanti sempre più considerevoli.
La ringrazio sempre per il tempo dedicato a questa mia, Le scriverò al termine della valutazione logodepica per avere un Suo parere.
Cordiali saluti.

Purtroppo oggi mancano o sono

Purtroppo oggi mancano o sono molto rari specialisti esperti in sviluppo globale dei bambini. Vengono sostituiti da operatori settoriali con competenze limitate, ognuno esamina una 'fetta' del bimbo, con test misurazioni ecc, e poi si rimettono insieme le varie valutazioni come tessere di un puzzle. Ovviamente questo non rende ragione della complessità e della profondità delle persone, come anche i bambini sono. Famiglie e bambini ne sono sacrificati e i vantaggi sono spesso solo per la grande 'offerta' di terapie e rieducazioni in commercio che sono immancabilmente prescritti...
Comunque non mi avete mandato, mi sembra, dei video per avere un'idea anche visiva del piccolo.

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)