Crea sito

Psicoterapia...strana

Salve,
Una persona a me cara è affetta da disturbo borderline di personalità. Dopo un ricovero in una struttura, ha abbandonato le cure (circa 3 anni). Ultimamente si è resa conto di stare male e ha deciso di rivolgersi ad uno psichiatra-psicoterapeuta. Alla prima seduta ha prescritto i farmaci (antipsicotico, stabilizzatore dell'umore, una dose medio-bassa di antidepressivo per migliorare la qualità del sonno e ansiolitico al bisogno).
Quello che non mi convince è la psicoterapia. Non so che orientamento segua, ma al suo arrivo in studio la bacia sulle guance come se fossero amici e durante il colloquio dice cose che ritengo un po' strane. La paziente ha una figlia piccola e ha lasciato il padre poco dopo la nascita della piccola. Da sempre la sua più grande mancanza è quella di un partner (è giovane ma ha il desiderio di avere una famiglia). Ora lo psicoterapeuta le dice (in mia presenza) che per stare bene deve trovare un co-dipendente, che una persona con carattere non starebbe mai con lei, che il problema è lei, che non è una vittima ma una carnefice, ecc. Mi sembra un atteggiamento giudicante. So che non potete esprimere giudizi sui colleghi, ma io sono in crisi e non sappiamo cosa fare perché non capiamo se questi suoi comportamenti siano leciti, se sia giusto aspettare di capire meglio, se sia più giusto cercare qualcun altro che la aiuti.
Questi atteggiamenti del terapeuta possono essere strategici? Sono leciti?
Vi prego, siamo in enorme difficoltà.

P.s.: la paziente ha manifestato disagio per questi comportamenti, ma non ha detto (ancora) di voler cambiare psicoterapeuta. È una preoccupazione mia.

Ho sentito di altri con

Ho sentito di altri con comportamenti simili, pur aderenti a modelli classici, che normalmente evitano il contatto fisico. Non ho idea in questo caso se facciano parte di una 'strategia' in qualche modello di psicoterapia, oggi ce ne sono tanti, difficile a volte raccapezzarsi. Così come è difficile pronunciarsi sulle espressioni usate davanti a voi... Il tutto mi sembra un po' stonato... Comunque le decisioni dovrebbero riguardare solo l'interessata, se si tratta come sembra di un rapporto individuale, scelto da lei spontaneamente e autonomamente. In tal caso forse sarebbe meglio non accompagnare ed assistere a scene simili, che sembrano un po' teatrali, di fronte a un pubblico. Solo se l'interessata lo chiedesse, descrivendo le situazioni ed esprimendo il suo disagio, voi potreste darle il vostro parere. Se invece il coinvolgimento di altri è voluto, forse bisognerebbe orientarsi più chiaramente verso un modello di intervento familiare, per evitare confusioni.

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)