Crea sito

Spettro autistico: situazione attuale

Le richieste relative a preoccupazioni di autismo o spettro autistico sono diventate le più frequenti sul sito e nei bambini che mi vengono portati a visita da ogni parte d'Italia. Riassumo le mie impressioni in proposito.
La diagnosi di spettro autistico è in quest'epoca inflazionata e quindi ha perso valore, a mio avviso - a parte la mia opinione, maturata negli anni, che il concetto stesso di una malattia che dà l'autismo sia sbagliato e che bisogna invece guardare allo sviluppo e alle eventuali difficoltà ed ostacoli e di questi occuparsi. Gran parte dei bambini che vedo con questa diagnosi fatta da altri, per lo più con l'uso del test ADOS, sono invece bambini con ritardo dello sviluppo e o difficoltà di comunicazione e linguaggio che una volta avrebbero avuto subito una diagnosi di ritardo psicomotorio e disturbo del linguaggio. Raramente sono situazioni di afasia o disfasia, cioè mancanza o grave carenza di linguaggio, che evidentemente non sono più riconosciute dalla gran parte degli specialisti formati negli ultimi decenni.
Di fronte alla eccessiva diversità dei bambini diagnosticati come 'spettro autistico' e ai frequenti cambiamenti di diagnosi cui queste situazioni vanno incontro col passare del tempo, negli ultimi anni ci sono state delle proposte di cambiare tale tipo di diagnosi, proprio per evitare i gravi errori compiuti . In Svezia è stato proposto e attuato di riunificare in un'unica categoria di osservazione, senza porre ulteriore diagnosi, tutti i bambini che vengono portati dagli specialisti con qualche alterazione dello sviluppo. Hanno coniato il nome 'ESSENCE' (dall'acronimo inglese Early Symptomatic Sindromes Eliciting Neurodevelopmental Clinical Examinations), come 'scatola' provvisoria in cui mettere tutte queste situazioni e perfezionare nel corso del tempo la valutazione e l'eventuale diagnosi (C.Gillberg). In America è stato addirittura proposto (L. Waterhouse) di abbandonare il termine autismo o spettro autistico e di rinunciare ai relativi criteri del DSM5 - la bibbia psichiatrica americana- nella ricerca riguardante i bambini con difficoltà dello sviluppo.
Nelle mie visite i genitori interessati spesso mi raccontano esperienze negative e superficiali che li gettano nel panico e nella confusione, a partire da operatori scolastici, educatrici, maestre e pedagogiste che, 'sensibilizzate' da qualche corso di aggiornamento, vedono autismo in ogni dove e tormentano le famiglie con le loro segnalazioni, per continuare con operatori dei servizi, neuropsichiatri infantili, psicologi, psicomotricisti, logopedisti, ecc che tutti sono diventati indistintamente specialisti nell'inviare bambini e famiglie a fare diagnosi di autismo con il test ADOS e simili, senza che ci siano le competenze cliniche necessarie per una valutazione globale delle diverse situazioni. Per finire con i terapisti ABA che hanno invaso il territorio a livello mondiale, quasi una piaga biblica, ed ormai minacciano di occuparsi di tutti i bambini, cosiddetti autistici e non, come fosse dar loro vitamine, che male non fanno, dicono. Al contrario i danni su famiglie e sui bambini stessi possono essere gravi per la loro personalità, se questi interventi vengono attuati indistintamente e col fanatismo assolutista che li contraddistingue.
Si intravede qualche cenno di incertezza anche in Italia, ma quasi ovunque prevale ancora l'impostazione dominante dello 'spettro autistico' nell'approccio ai bambini con qualche difficoltà nello sviluppo. Le società scientifiche, prima fra tutte quella dei npi, la SINPIA, appaiono accecate e appiattite sulle posizioni dominanti. Le società di psicoanalisi o psicoterapia, anche di impostazione non comportamentista, sembrano completamente disinteressate alla questione, almeno a livello pubblico. Giornali, televisioni, internet, istituzioni, anche non sanitarie, ecc, tutti contribuiscono a diffondere il mito dell'autismo creando sempre più confusione e allarme. Si tratta forse di una delle più clamorose falsità del secolo spacciate in nome della Scienza...
marzo 2017

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)