Crea sito

Quale Psicofarmaco alternativo e' piu' adatto?

Egr. Dott. Gianmaria Benedetti,

Mi rivolgo a Voi, per una Vostra opinione professionale.
Mia moglie ed io viviamo in ... da 30 anni. Mia moglie, ..., (ora ha 60 anni-siamo sposati da 38 anni), soffre da Disturbo Bipolare I/Schizzofrenia da quando aveva 18 anni. E' stata in numerosi ospedali psichiatrici sia in Italia che qui, in ....
E' stata in cura ambulatoriale da diversi Psichiatri, inizialmente (dal 1971 in Italia) con il classico Litio+Mellaril, poi con Litobid, Valproato (Depakote) per quasi 5 anni (dopodiche' sospeso il Depakote), poi Geodon, Trilaptal (Oxcarbazepine), Fluphenazine, Prolixin, Haloperidol, Zyprexa (dismesso per l'aumento di peso) poi ritorno a Depakote + Abilify (Aripiprazole), ora da 4 mesi.
Siccome 13 anni fa' e'stata diagnosticata con Epatite C (ora sotto controllo) e di recente Nephropatia terminale (Stadio 5), il proseguimento di cura ambulatoriale con il Depakote+Aripiprazole non ci sembrano la migliore scelta di psicofarmaci, considerando la condizione attuale di mia moglie.
Ci e' stata consigliata la Dialisi, che mia moglie si rifiuta a considerare. Ma nel frattempo, cerchiamo un Nephrologo qui, che possa prescrivere una cura per fermare almeno il progresso del disturbo renale.
La nostra domanda e': Quale psicofarmaco alternativo sarebbe piu' indicato che possa sostituire il Depakote+Abilify , con il minimo di effetti collaterali che possano mantenere il suo buon umore, e nello stesso tempo minimizzare danni sia ai reni che al fegato? Potremo cosi' chiedere al suo psichiatra di considerare un'alternativa piu' conveniente. Qui i psichiatri raramente tengono presente lo stato di salute generale dei pazienti e minimizzano i danni conseguenti dagli effetti collaterali. Forse Vi sembrerebbe inusuale, ma e' un atteggiamento molto diffuso qui. Oltretutto, se il paziente non "suggerisce" al psichiatra un farmaco alternativo, non si riesce ottenere un cambiamento ed un miglioramento. Qui, il psichiatra non si mette in contatto con il medico di famiglia o internista, per informarsi dell'impatto degli effetti collaterali e di conseguenza agiustare dosi, per non parlare di sostituire la cura con un'altra medicina altrettanto effettiva e piu' indicata.
Siamo disposti a fornirVi qualsiasi altra informazione utile per la Vostra valutazione, come risultati di esami recenti di laboratorio d'analisi che ritenete necessari, e che Vi possano aiutare la Vostra consulenza.
RingraziandoVi per un Vostro sollecito riscontro, Vi inviamo i nostri migliori saluti.

Capisco la vostra

Capisco la vostra preoccupazione per la complicata e sfortunata situazione della signora. Spero che le prospettive per i reni trovino soluzione - non so se una possibilità sia anche il trapianto di reni, deve essere ovviamente un nefrologo a consigliarvi.
Quanto alla sua domanda sui farmaci, temo di non essere la persona più adatta a rispondervi, data la mia esperienza prevalentemente con bambini e adolescenti e per gli adulti solo come psicoterapeuta, o comunque non come psico-farmacologo.
Comunque i farmaci elencati sono quelli che vanno per la maggiore anche qui in Italia e temo che sia gli anti-psicotici che gli 'stabilizzanti' abbiano tutti effetti collaterali a livello di reni e di fegato. La mia opinione è che vadano usati i farmaci,se non se ne può fare a meno, in misura minore possibile e nei dosaggi più bassi, cercando di bilanciare gli effetti collaterali con gli effetti positivi.
La sindrome bipolare con attacchi maniacali è forse la sindrome psichiatrica che più ha necessità di farmaci (il Litio o altri stabilizzanti); penso comunque che la prospettiva di non prendere farmaci in certi casi potrebbe essere considerata, se i sintomi non sono troppo disturbanti e se possono essere controllati con altre modalità ambientali e psicologiche, se non con l'ECT (terapia elettro convulsivante, cioè il vecchio Elettro-shock, di cui si è parlato molto male ma che secondo alcuni è oggi una tecnica efficace e a rischio molto ridotto. Ma non ne ho esperienza diretta.
Cordialmente
drGBenedetti

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)