Crea sito

CRISI ISTERICHE BAMBINA DI 4 ANNI

Gent.mo Dottore, le scrivo per mia figlia di 4 anni e 6 mesi. E' una bambina fisicamente sana, che non ha mai avuto problemi di salute (a parte, si intende, i classici mali di stagione) fin dalla nascita avvenuta con cesareo per posizione podalica. Tuttavia sin dalla tenerissima età di un anno ha cominciato a mostrare il suo caratterino per niente semplice: per capriccio lei inizia a piangere, ad urlare, a rotolarsi per terra come un'ossessa, non vuole che nessuno le si avvicini, tira calci e pugni e rifiuta qualsiasi strumento di consolazione. La cosa può protrarsi anche per più di un'ora senza cedimenti di nessun tipo da parte sua. E' ostinata come non pochi. La prima crisi mi ha letteralmente terrorizzata: pensavo stesse male (lei era così piccola che non poteva darmi spiegazioni) ed invece la sua era solo rabbia. Col tempo, poi, queste crisi sono andate cambiando (purtroppo in peggio), perchè crescendo oltre ai comportamenti sopra decritti, ne ha aggiunti altri quali i dispetti che mette in atto specie nei miei confronti, probabilmente per attirare l'attenzione che non ottiene coi suoi "classici" modi. In più da circa un anno queste crisi si manifestano anche di notte senza apparente motivo. Premesso che anche quando era più piccola capitava si svegliasse di notte piangendo e urlando, ma ritenevo che la cosa fosse abbastanza normale (magari dovuta ad un brutto sogno o ad una giornata "pesante") ed inoltre erano piuttosto sporadiche. Ora invece, da un anno a questa parte, sono molto frequenti. Ho pensato si trattasse di pavor notturno perchè ne hanno in parte le caratteristiche: la bambina comincia ad agitarsi freneticamente nel letto piagnucolando, fino a quando questi lamenti si trasformano in urla isteriche e pianto inconsolabile. Lei diventa paonazza e comincia a dimenarsi a destra e a sinistra come dovesse liberarsi da chissà quale fastidio interiore, poi dopo anche più di un ora crolla e ritorna a dormire. Inizialmente non permetteva a nessuno di avvicinarsi a lei e si metteva pure a correre per la casa, durante le ultime crisi, invece, accetta e quasi ricerca il contatto fisico con me, ma anche tenerla in braccio è faticoso perchè si divincola come volesse liberarsi dal mio abbraccio ma non è così, perchè se la lascio lei ritorna da me. Non so esattamente valutare se è cosciente o meno, a volte sembra di no, altre lo è palesemente perchè ti risponde, anche se devi interpretare le sue parole strozzate dalle urla. Inoltre da dopo l'estate anche il suo atteggiamento in casa è cambiato: la bambina è sempre perennemente scontrosa e lagnosa, sembra non le vada mai bene niente e qualsiasi cosa tu faccia o non faccia è per lei un pretesto per piazzarti una sceneggiata delle sue con urla, pianti e isterie varia. All'asilo le maestre dicono che è un angelo, ma quando torna a casa si trasforma. Abbiamo anche esposto il problema alla pediatra che ha risolto dicendo che mia figlia da sempre è melodrammatica nelle sue manifestazioni e che la cosa è peggiorata a seguito della nascita del fratellino. In effetti un anno fa è nato un fratellino e, a dire il vero, anche le maestre avevano giustificato il tutto con tale evento. Ma io non ne sono convinta totalmente. Certo, il fratellino avrà ed ha sicuramente il suo ruolo in questa faccenda, ma fatto sta che comunque mia figlia le crisi le aveva da prima del lieto evento. Da ultimo abbiamo anche consultato una pedagogista secondo la quale mia figlia non sopporta la frustrazione e questo le scatena le crisi isteriche descritte. Ci ha dato anche dei suggerimenti per cercare di aiutare la bimba ad accettare i "no" della vita, ma non hanno avuto grandi risultati. In più, parlando col medico di famiglia, lui ci ha consigliato una visita da un neuropsichiatra infantile e la cosa mi ha molto spaventata. Mi chiedo se questi comportamenti della bambina possono avere qualcosa di patologico o essere sintomo di una patologia latente. grazie per la risposta e scusi se mi sono dilungata molto. Una mamma preoccupata

problemi in gravidanza RISCHIO ABORTO PRIMI MESI PER DISTACCO DI PLACENTA,
nascita 26/05/2009
a che settimana ………….38
Parto ( naturale, cesareo, difficoltà)……………PARTO CESAREO PER POSIZIONE PODALICA

alla nascita : 3,5 KG, 47 CM, circonferenza cranica 35,2
(eventuali curve di accrescimento epoche successive)……... PER L'ALTEZZA SEMPRE AL TERZO PERCENTILE, ULTIMO ANNO è SCESA AL DI SOTTO DEL TERZO PERCENTILE (SIAMO IN ATTESA DI VISITA DA ENDOCRINOLOGO, ANCHE SE SICURAMENTE SARA' UNA QUESTIONE COSTITUZIONALE DAL MOMENTO CHE IN FAMIGLIA NON SIAMO DEI TITANI. pER QUANTO RIGUARDA IL PESO FINO A NOVE MESI TRA IL 90 - 95 PERCENTILE, POI PROPORZIONATO ALL'ALTEZZA.
indice di Apgar 1:10 5:10……./ ……….. durata del ricovero in ospedale……5 GIORNI..

Primi mesi
allattamento: materno …NON SI ATTACCAVA…. artificiale SI………
svezzamento a che età …5 MESI…… facile .SI.. difficile ....
ritmo sonno veglia, orari PIUTTOSTO REGOLARI. HA INIZIATO A DORMIRE LA NOTTE INTERA INTORNO AI 3 MESI SALVO RISVEGLI SPORADICI RISOLTI COL CIUCCIO. ALLA MATTINA UN'ORETTA DI NANNA DALLE 10.30 FINO A 11-12 MESI. NEL POMERIGGIO NANNA TRA LE 13 E LE 15 CIRCA FINO ALL'ANNO SCORSO (ALL'ASILO LA FACEVANO DORMIRE, MA A CASA NEL WEEK END HA COMINCIATO A RIFIUTARE IL PISOLINO POMERIDIANO. ORA NON DORME PIù IL POMERIGGIO
eventuali difficoltà....CRISI ISTERICHE DURANTE LA NOTTE (A VOLTE ANCHE AL RISVEGLIO DAL PISOLINO POMERIDIANO) SPORADICHE FINO AD UN ANNO FA, FREQUENTI IN SEGUITO
persone che lo accudivano MAMMA

epoca successiva
alimentazione..E' MOLTO SELETTIVA, PREDILIGE LA PASTA, POCO LA CARNE PER NIENTE PESCE E VERDURE, QUALCHE FORMAGGIO (COME MOZZARELLA E GRANA)., sonno DALLE 21,30 - 22.00 FINO ALLE 7.30- 8:00 SALVO RISVEGLI NOTTURNI PER CRISI,DORME NEL LETTONE ABITUDINE PRESA PERCHè A DUE ANNO CIRCA DI ETà HA AVUTO UN EPISODIO DI LARINGOSPASMO CHE CI HA SPAVENTATO TANTISSIMO E L'ABBIAMO TENUTA NEL LETTO CON NOI PER PAURA SI RIPETESSE. EPISODI DI LARINGOSPASMO SI SONO MANIFESTATI ANCORA FINO ALL'ANNO SCORSO AD UN SEMPLICE ARROSSAMENTO DI GOLA. ORA IL PROBLEMA SEMBRA ESSERSI RISOLTO. CIUCCIO SIA DI NOTTE CHE DI GIORNO FINO A GENNAIO DELL'ANNO SCORSO E TOLTO A FATICA (ALL'INIZIO PENSAVO CHE LA FREQUENZA DELLE CRISI NOTTURNE FOSSE DIPESA DAL FATTO CHE LE AVESSIM O TOLTO IL CIUCCIO)

sviluppo psico-motorio:
seduto da solo a che età 7 MESI
primi passi da solo 14 MESI
capacità motorie attuali NORMALI PER L'ETA'
controllo sfinterico (pipì e popò) a che età PIPI' 2 ANNI E MEZZO, POPO' 3 ANNI .

interesse e curiosità verso le persone DIFFIDENTE E TIMIDA
reazione di fronte a persone e ambienti nuovi..DIFFIDENTE ..
figure principali cui è attaccato....MAMMA, NONNO PATERNO., PAPA'.......
reazioni alla separazione dai genitori..NON SIAMO SEPARATI..............
rapporto con le persone, adulti ...DIPENDE DALL'UMORE, A VOLTE SOCIEVOLE ALTRE DI CHIUSURA... bambini..ABBASTANZA SOCIEVOLE, SPECIE COI PIù PICCOLI...
comprensione delle cose e delle richieste PERFETTA
comunicazione dei suoi bisogni e desideri PERFETTA

sviluppo simbolico
linguaggio: LALLAZIONE NEI TEMPI PREVISTI
prime parole...A 9 10 MESI ...
due parole insieme .13 MESI..
uso del no e del sì ....
frase minima (verbo e sostantivo )....

interesse e curiosità per gli oggetti NORMALE
uso dei giochi ( gioco funzionale ....imitativo .....rappresentativo )BUONA

disegno spontaneo
scarabocchio , linee, cerchi... omino-testone ... figure, casetta, ecc HA INIZIATO A MANEGGIARE CON MATITE E PENNARELLI AD UN ANNO E MEZZO, AD OGGI DISEGNA BAMBINI, CASE, ALBERI, NUVOLE, SOLE,... A VOLTE COMPONE DEI DISEGNI TUTTI COLORATI TIPO PATCH WORKS. QUANDO ERA PIù PICCOLA PRIVILEGIAVA I COLORI SCURI (IL NERO E IL ROSSO SCURO) ORA UTILIZZA TUTTI I COLORI. PARTICOLARITA': A VOLTE DISEGNA VOLTI TRISTI CON LACRIME, ANCHE IL SOLO, A CUI DA' UN VOLTO, CAPITA CHE ABBIA LE LACRIME. IL MOTIVO NON LO SA SPIEGARE

attenzione nelle varie attività e interessi: MEDIA

comportamento
CAPRICCIOSO E LAMENTOSO COME SE NON CI FOSSE NULLA CHE LA SODDISFACESSE, ALMENO ULTIMAMENTE
adesione a regole, orari, limiti, NON E' UNA ADESIONE SPONTANEA MA SUDATA DA PARTE DI NOI GENITORI
obbedienza agli adulti CON NOI GENITORI MOLTO SCARSA, NEL SENSO CHE DOBBIAMO SEMPRE IMPORCI PER FAR ACCETTARE LE REGOLE, CON GLI ALTRI QUASI OTTIMA
reazione a divieti ....BRUTALE: URLA, PIANTI, CRISI ISTERICHE
capricci, bizze
paure, fissazioni...UN PO' DEL BUIO, ULTIMAMENTE VA SPESSO IN BAGNO A CONTROLLARE DI NON AVER SPORCATO LE MUTANDINE.... DI COSA NON è LECITO SAPERE (FORSE HA PAURA DI QUALCHE PETO CHE LASCI IL SEGNO!).

scolarizzazione
asilo nido …NO, HA PARTECIPATO ALLO SPAZIO GIOCO A 3 ANNI (QUALCHE ORA ALLA MATTINA PER 3 GG ALLA SETTIMANA)……. LA PRIMA SETTIMANA è ANDATA BENE POI TUTTE LE VOLTE CHE DOVEVO PORTARLA ERA UNA TRAGEDIA, QUESTO DA OTTOBRE A MARZO. SUCCESSIVAMENTE BENE
Scuola materna A 4 ANNI. eventuali difficoltà di inserimento NO è ANDATO BENISSIMO ambientamento BENE, FINO A GENNAIO DI QUEST'ANNO QUANDO SONO COMINCIATE LE CRISI NOTTURNE FREQUENTI. NON VOLEVA PIù ANDARE ALL'ASILO ED è ANDATA AVANTI COSì PER DIVERSI MWSI
Successive scuole ....... apprendimento ........ comportamento .........

Rapporti sociali , amicizie ALL'ASILO HA LEGATO MOLTO CON UNA BIMBA DELLA SUA STESSA ETà, GIOCA SPESSO CON LEI, CON GLI ALTRI UN Pò MENO COMUNQUE SOCIALIZZA ABBASTANZA ANCHE SE, A MIO PARERE, è UN Pò INTROVERSA ANCHE SE NON TIMIDA, attività extrascolastiche.SCUOLA DI DANZA 1 VOLTA SETT E NUOTO 1 VOLTA SETT

Composizione familiare …MAMMA, PAPà, FRATELLINO DI 1 ANNO…………..
altri conviventi (nonni, parenti, ecc) …………
Organizzazione familiare per l'accudimento (orari dei genitori, nonnni, baby sitter, ecc),...MAMMA A TEMPO PIENO. OGNI TANTO NONNO MATERNO O NONNA PATERNA CHE LA PORTANO ALL'ASILO O LA VANNO A PRENDERE....
modalità educative (permissive, ferme, severe, variabili, orari di sonno, dove dorme, chi 'comanda', ecc .....)....VARIABILI, TENDENZIALMENTE FERME. CHI COMANDA? NONOSTANTE TUTTO CREDO LEI PERCHè ANCHE QUANDO NON GLIELE LASCIAMO PASSARE COL SUO COMPORTAMENTO TI SPIAZZA E SEI TU POI ALLA FINE CHE NE SUBISCI LE CONSEGUENZE.....,

Eventi particolari, cambiamenti, lutti, difficoltà, malattie di familiari, ecc...NASCITA FRATELLINO UN ANNO FA.
Visite mediche, ospedale, altro..NO....
Eventuali esami fatti e referti (Udito, vista, eeg, rmn,...)HA UN UDITO LEGGERMENTE BASSO CAUSA CATARRO RAFFERMO NELLE ORECCHIE PER RIPETUTE OTITI CHE A VOLTE SI MANIFESTA E TE NE ACCORGI IN QUANTO LA BAMBINA CHIEDE SPESSO DI RIPETERE CIò CHE LE VIENE DETTO E ALZA IL VOLUME DEL TELEVISORE
Altre osservazioni ……….

Sembra in effetti un problema

Sembra in effetti un problema di capricci e cocciutaggine e tentativo di imporre la sua volontà agli adulti, almeno in casa. Le crisi notturne sembrano, come pensa Lei, pavor nocturnus (con risveglio solo parziale) o risvegli per paure e sogni. Rischia che se prosegue così si formerà in effetti un brutto carattere e complicherà la vita a se stessa e a chi le sta intorno. Di solito è un problema relazionale ed educativo, in cui si crea un circolo vizioso fra tutti da cui è difficile uscire. Probabilmente vi siete fatti prendere la mano per le vostre paure, per cui le avete permesso cose poco adatte per uno sviluppo più tranquillo. Anche il dormire nel lettone è segno di questo, e un po' alla volta bisogna che riprendiate i remi della barca, o le redini, in modo da guidare voi la baracca e riprendere il controllo della bimba. Altrimenti rischia che si creeranno un po' alla volta anche problemi di comportamento anche a scuola, a complicare ancor più le cose.
Penso che avrete bisogno di aiuto per raddrizzare la baracca, e che dovreste quindi rivolgervi a uno specialista psicologo dell'infanzia o neuropsichiatra infantile. Non conta tanto il tipo di laurea e specializzazione, ma che si occupi di relazioni e dinamiche familiari e vi segua per un periodo aiutandovi a rimettere in sesto la situazione. Ci sarà per una fase da fare fatica e resistere, come per 'domare' un cavallino imbizzarrito, e poi da proseguire per fargli accettare la 'sella', cioè il comando degli adulti, finchè sarà grande.
Cordialmente
drGBenedetti

AVVISO IMPORTANTE: i consulti on/line hanno solo valore di consigli e non intendono sostituire in alcun modo la visita medica o psicologica diretta.
_____________________________
ATTENZIONE : si chiede gentilmente a tutti gli utenti del sito di mandare un breve aggiornamento sul consulto effettuato. In questo modo sarà possibile avere un riscontro a distanza della correttezza delle risposte date. I risultati verranno pubblicati sul sito. Grazie Vedi

P.IVA : 01496010537
dr Gianmaria Benedetti - Firenze, via S Reparata,69 - Ordine dei medici (FI) n.4739

NB questo sito recepisce le linee di indirizzo dell' Ordine dei medici di Firenze sulle consulenze mediche on line.
Si dichiara sotto la propria responsabilità che il messaggio informativo è diramato nel rispetto della linea guida approvata dallo stesso Ordine.

Questo sito non costituisce una testata giornalistica poichè viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. -

LEGGE SUI COOKIE
Questo sito fa uso di cookie tecnici. INFORMATIVA ESTESA

Risoluazione online delle controversie (Unione Europea)